Giovedì, 05 Maggio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI
Disabili. M5S: Governo dimentica l'emergenza nelle scuole pubbliche
di redazione

“Con un emendamento al provvedimento cosiddetto Scuole Belle, il governo stanzia 12 milioni di euro per gli studenti disabili nelle scuole paritarie, dimenticando totalmente l'emergenza nelle scuole pubbliche, dove mancano insegnanti di sostegno qualificati e i ragazzi disabili spesso vengono parcheggiati nelle aule abbandonati a loro stessi, esclusi dalle attività di formazione al lavoro, accompagnati in bagno da un bidello o da un genitore costretto a correre a scuola, molte volte costretti addirittura a rimanere a casa”. Lo affermano i parlamentari M5S delle Commissioni Cultura di Camera e Senato.

Controversie attribuzione ore sostegno alunni disabili, Consiglio di Stato: la competenza è del giudice amministrativo
di redazione
Controversie attribuzione ore sostegno alunni disabili, Consiglio di Stato: la c

Il Consiglio di Stato in Adunanza Plenaria, con la sentenza n. 00015/2015,  ha stabilito che il giudice competente, per l'attribuzione delle ore di sostegno agli allievi disabili, è quello amministrativo, in quanto si tratta di controversie che hanno per oggetto l'esercizio del potere organizzatore. 

Autismo. Gli esperti delle Onlus concordi: inserire gli adolescenti nella rete sociale affiancati da un “compagno adulto-tutor”
di redazione

Anief  - La proposta è scaturita nel corso del convegno-seminario “Autismo, uno sguardo oltre l’infanzia”, svolto a Rende (Cs), alla presenza di numerosi analisti, psicologi ed esperti nazionali del settore davanti a oltre 200 persone, in prevalenza docenti: il coinvolgimento degli esercizi commerciali consentirebbe grandi risparmi e darebbe maggior efficacia a ciascun progetto educativo personalizzato sui giovani autistici.

Renzi: "E' la volta buona anche per approvare la legge sulla lingua dei segni"
di redazione

"Oggi è la giornata nazionale sull' autismo: si è fatta una legge sul 'dopo di noi', è la volta buona delle cose che non passano nel dibattito complessivo e io credo che sia la volta buona anche per il riconoscimento della lingua dei segni". Così Matteo Renzi risponde ad una ragazza durante il dibattito alla scuola nazionale di politica, a Roma.

anief mnemosine eiform


In evidenza