Giovedì, 30 Giugno 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Gallo (M5S), esclusione autori meridionali: impoverimento culturale sistema istruzione

di redazione
ipsef

Gallo (M5S), esclusione autori meridionali: impoverimento culturale sistema istr

Sull'esclusione degli autori meridionali dalle Indicazioni nazionali per i Licei interviene un altro deputato del M5S, Luigi Gallo, inoltrando alla nostra redazione un altro comunicato stampa oltre alla nota inviataci questa mattina.

Gallo ricorda la risoluzione del M5S dello scorso anno, tramite la quale si chiedeva di inserire nuovamente nelle Indicazioni Nazionali per i Licei lo studio degli autori del Mezzogiorno, trattandosi di poeti e scrittori di assoluto valore quali: Elio Vittorini, Leonardo Sciascia, Salvatore Quasimodo, Matilde Serao e Anna Maria Ortese.

Il deputato pentestallato ribadisce la richiesta, contenuta nell'interrogazione a prima firma dell'onorevole Maria Marzana, di conoscere lo stato dei lavori in proposito, in quanto era stato lo stesso Ministero, in seguito alla suddetta risoluzione, ad avviare un aggiornamento delle Indicazioni Nazionali, avvalendosi di un gruppo tecnico di monitoraggio dei Licei.

"E’ passato un anno dall'approvazione di una risoluzione del M5S per reinserire nelle indicazioni ministeriali per i licei gli autori del Mezzogiorno che erano stati esclusi, poeti e scrittori del calibro di Elio Vittorini, Leonardo Sciascia, Salvatore Quasimodo, Matilde Serao e Anna Maria Ortese. Purtroppo, ad oggi, nessuna misura effettiva è stata ancora messa in campo e, tra i 17 autori segnalati dal Miur, non c’è un solo nome a Sud di Roma. Al ministero dell’Istruzione chiediamo conto dello stato dei lavori, che dovevano giungere a compimento entro l’anno scolastico 2014/2015, e sollecitiamo il recepimento della risoluzione M5S che ha impegnato il governo a ristrutturare le Indicazioni nazionali”.

Lo afferma il deputato del Movimento Cinque Stelle Luigi Gallo commentando l’interrogazione a prima firma della deputata Maria Marzana sugli autori del Sud discriminati dal Miur.

“Questa mancanza – aggiunge Gallo - rappresenta un impoverimento per il nostro sistema scolastico e per i nostri studenti, che dovrebbero avere l’opportunità di conoscere un quadro completo della letteratura italiana. Il Miur, invece, dovrebbe valorizzare tutte le aree culturali del Paese, così da permettere agli studenti di cogliere in maniera omogenea la ricca tradizione letteraria e artistica del Mezzogiorno".

L'esclusione degli autori sopra citati costituisce, conclude dunque l'redazOn. Gallo, un impoverimento culturale per tutto il sistema d'istruzione italiano e rappresenta una manifestazione di mancato interesse da parte del MIUR nei confronti di alcune aree del Paese.

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza