Mobilità 2017/18, docenti neo immessi non hanno obbligo presentazione domanda

di redazione
ipsef

Sono giunte in redazione diverse segnalazioni di docenti assunti nell’anno scolastico 2016/17 con titolarità su ambito e  incarico triennale su scuola, i quali denunciano il fatto che le segreterie dicono  loro che devono obbligatoriamente presentare domanda di mobilità per ottenere una sede definitiva.

Ricordiamo che le regole nel corrente anno scolastico sono cambiate rispetto al passato, in quanto i docenti di cui sopra hanno già una “sede” di titolarità”, rappresentata dall’ambito territoriale di cui fa parte la scuola in cui essi insegnano ed hanno un incarico triennale, al termine del quale potranno essere confermati se non cambiano le esigenze della scuola così come esplicitate nel Piano triennale dell’offerta formativa.

I docenti suddetti, dunque, sono già titolari su un ambito ed hanno un contratto triennale in una scuola dello stesso. Tali docenti hanno la facoltà di presentare domanda di mobilità e non l’obbligo, in deroga alla triennalità del contratto medesimo.

D’altra parte, leggendo il contratto, diversamente da quanto previsto lo scorso anno, non c’è  alcuna disposizione secondo cui i docenti neo immessi e con incarico triennale debbano ottenere una sede di titolarità, che già è stata attribuita loro al momento della scelta dell’ambito.

Ricordiamo che i suddetti docenti, qualora intendano presentare domanda di mobilità, non potranno esprimere, tra le 5 possibili scuole, quella in cui hanno l’incarico triennale, in quanto considerata non disponibile, sino a quando lo stesso docente non ottenga una nuova titolarità di scuola o ambito in seguito a domanda di trasferimento.

L’unica eccezione a quanto suddetto, relativamente ai docenti neo immessi, riguarda coloro che lo scorso anno scolastico sono stati assunti dopo il 15 settembre con ruolo giuridico, i quali devono invece presentarla.

Mobilità scuola docenti 2017: vademecum compilazione domanda e modelli per dichiarazioni personali

Mobilità 2017: si può compilare la domanda, le istruzioni. I modelli e autodichiarazione, i bollettini delle scuole e ambiti, le tabelle di vicinanza e le nuove classi di concorso

Versione stampabile
anief anief