Ricorso sindacati contro bonus TFA in Graduatoria. Tar rifiuta la sospensiva

di
ipsef

red – Non solo, il Tribunale ha chiesto al Ministero documentazione aggiuntiva sull’assenza di alcuni pareri, a partire dal CNPI. Parere del CNPI per la tabella di valutazione non esiste, perchè non c’è più il CNPI (Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione) dato che non è stato rinnovato.

red – Non solo, il Tribunale ha chiesto al Ministero documentazione aggiuntiva sull’assenza di alcuni pareri, a partire dal CNPI. Parere del CNPI per la tabella di valutazione non esiste, perchè non c’è più il CNPI (Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione) dato che non è stato rinnovato.

Ci troviamo sul solco di quella vicenda che vede fronteggiarsi i docenti abilitati tramite TFA Ordinario e i sindacati che non hanno accettato la tabella di valutazione proposta per il rinnovo delle graduatorie di istituto per il 2014-17. Un ricorso che potrebbe essere letto come difesa dei docenti abilitati tramite i PAS (Percorsi abilitanti speciali) riservati ai docenti con servizio.

Ricordiamo che il Ministero ha assegnato ai docenti abilitati con TFA Ordinario un punteggio aggiuntivo, di 42 punti, di cui 12 per la durata annuale del percorso abilitativo e 30 per la selettività dello stesso percorso (tenendo conto del superamento di prove di accesso selettive e dell’ammissione a corsi a numero programmato).

Seguici anche su FaceBook. Lo fanno già in 117mila

I sindacati FLCGIL, CISL, UIL, SNALS e GILDA, hanno impugnano il decreto delle Graduatorie istituto, ritenendo che il Ministero avrebbe introdotto "palesi elementi di iniquità e ragionevolezza, creando disparità e conflittualità tra gli aspiranti alle supplenze".

Il Tar si è espresso sul ricorso e non ha ritenuto che la faccenda avesse carattere d’urgenza, negando la sospensiva della tabella di valutazione.

"Siamo soli", dice Arianna Cipriani del Coordinamento Nazionale TFA Ordinario che abbiamo raggiunto per telefono. "Mi sembra di avere un secondo lavoro". "I sindacati – continua – si sono scagliati sia contro la procedura selettiva del TFA che contro docenti che hanno solo vinto un concorso", "mai accaduto che 5 sigle si coalizzassero contro una categoria di docenti."




Continua la Cipriani, "il Tar ha tenuto conto di molteplici fattori, primo la spendibilità del titolo abilitante e la penalizzazione degli abilitati TFA causata dall’ingresso degli abilitati PAS in graduatoria grazie alle finestre. Docenti che portano con se un punteggio di servizio che permette di scavalcare i tieffini, il punteggio aggiuntivo ha lo scopo di riequilibrare."

Insomma, con il pronunciamento di oggi, pare che il primo round sia andato ai docenti TFA, ma Arianna Cipriani non è ottimista, "i sindacati non si fermeranno, andranno avanti fino al Consiglio di Stato".

L’udienza è stata aggiornata, la decisione definitiva sarà presa nell’aprile 2015, nel frattempo tanta acqua sarà passata sotto i ponti e il MIUR avrà modo inventarsi qualcosa per l’assenza di quel parere del CNPI, che, sebbene non vincolante, è previsto dalla legge.

Versione stampabile
anief anief