Venerdì, 19 Dicembre 2014

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Supplenze su sostegno con messa a disposizione: quanta confusione determinata dalle circolari ministeriali!

di Lalla
ipsef

Lalla - Pubblichiamo due contributi che evidenziano come le due circolari sull'assegnazione delle supplenze ai docenti in possesso del titolo di specializzazione per il sostegno, abbiano determinato confusione tra gli insegnanti e nelle segreterie scolastiche. Ad intervenire Salvatore Nocera, vicepresidente nazionale della FISH, e la CUB Roma con il resoconto di una giornata di nomine a Cremona.

commento di Salvatore Nocera, vicepresidente nazionale della FISH

"L'utilizzazione in posti di sostegno di docenti privi dei prescritti titoli di specializzazione è consentita UNICAMENTE quando manchino docenti di ruolo o non di ruolo  specializzati" (art 14 comma 6 L.n. 104/92)

A questo principio tassativo, sottolineato dal termine normativo "unicamente" si è correttamente uniformata la Nota del MIUR  prot n.9416 del 18 Settembre 2013.

Però a questa ha fatto seguito a distanza di due giorni una successiva nota di chiarimenti  prot A00DGPER 9594 che, in due passaggi, lascia perplessi.

Infatti Le due Note riguardano il problema della nomina su posti di sostegno di docenti che , avendo conseguito il titolo di specializzazione dopo lo scadere dei termini per l'inserimento nelle graduatorie provinciali o di istituto, presentino alle singole scuole una dichiarazione di “messa a disposizione” ai fini della stipula di un contratto a termine su posto di sostegno.

La prima Nota stabilisce che , ferme restando le nomine di docenti non specializzati effettuate prima della "messa a disposizione" di docenti specializzati, questi ultimi hanno la precedenza sui non specializzati per le nomine successive.

La seconda Nota precisa che occorre che il Dirigente scolastico, prima della nomina, scorra le graduatorie di seconda e terza fascia e:

1-    se il docente specializzato messosi a disposizione non ha presentato domande in altre scuole, può ottenere la nomina, altrimenti ne è escluso;

2-    In caso di più dichiarazioni di messa a disposizione, il Dirigente scolastico debba scorrere le graduatorie di seconda fascia , dando precedenza agli abilitati rispetto a quelli di terza fascia, invitando gli interessati ad integrare le dichiarazioni di una serie di dati di difficile immediata valutazione, al fine di formare due elenchi di abilitati e non abilitati; comunque in attesa di  formulare questi nuovi elenchi tra messi a disposizione, si applicano le normali norme sulle supplenze che, però, non prevedono le messe a disposizione e dànno precedenza alla nomina di docenti di seconda e terza fascia non specializzati.

Queste due condizioni  che riducono enormemente la portata della prima Nota non mi sembrano corrette. Infatti:

a)- Il docente che si mette a disposizione non conosceva precedentemente tale impedimento posto solo adesso dal MIUR; onde evitare ricorsi e contenzioso, sarebbe opportuno che il Dirigente scolastico, prima della nomina gli faccia rilasciare una dichiarazione che, qualora abbia presentato dichiarazione di messa a disposizione in altre scuole, rinuncia a tali scuole, indicandone la denominazione e sede;

b) – Quanto all'obbligo di applicazione delle normali norme sulle supplenze in attesa della formulazione dei due elenchi, , che risulterebbe farraginosa e ritarderebbe di molto le nomine, che potrebbero essere annullate da ricorsi al TAR per disputa sui punteggi etc, sembrerebbe più semplice, formulare i due elenchi solo sulla base se esista o meno l'abilitazione; nell'ambito di ciascuno di questi due elenchi, la priorità verrebbe, almeno per quest'anno, stabilita dalla data di protocollo in segreteria della domanda.

Ovviamente le domande dovrebbero essere integrate esclusivamente del titolo di specializzazione o di un certificato rilasciato dall'Università ove esso si è conseguito; ciò per evitare ulteriori contenziosi in caso di autocertificazioni mendaci.

Tutto ciò non richiederebbe molto tempo ed offrirebbe ai Dirigenti scolastici sufficienti garanzie di legittimità.

Sarebbe comunque da rimuovere il riferimento alle normali norme sulle supplenze, poiché esse porterebbero, intanto, alla nomina di docenti non specializzati, mentre sono presenti agli atti domande di docenti specializzati e ciò sarebbe fonte di ulteriore contenzioso, stante il chiaro dettato dell'art 14 comma 6 citato. "

Resoconto attribuzione nomine da Graduatorie di istituto a Cremona

inviato da CUB SUR Roma - Ieri 19 sett, siamo andate ad una convocazione che definirei “caotica” a causa della prima nota ministeriale n. AOODGPER. 9416. Nomine conferite... agli otto docenti delle GI.

Vista la situazione stamattina abbiamo fatto un giro di telefonate per capire come avessero intenzione di muoversi le scuole. Di fatto, hanno bloccato e annullato le convocazioni da GI per preparare quelle indirizzate ai docenti “fuori dal sacco”, come li hanno definiti all'UST.

Ci siamo sentiti e abbiamo deciso di andare all'Ust. Eravamo cinque maestri, A. B., C. P. , G. L., M. V. e V. T. Arrivati all'Ust, ci ha ricevuto l'addetta all'ufficio personale che sentita la questione ha
invitato i colleghi dell'ufficio contenziosi a raggiungerci. In sintesi, ci hanno invitato a produrre un documento, firmato da quanti più docenti, da inviare a loro e all'ufficio scolastico regionale affinché potessero
intervenire per risolvere la questione.

Dopo abbiamo fatto il giro di alcuni IC e dei sindacati. Dato che avevamo minacciato di fare ricorso e/o denuncia, la scuola che aveva già contattato due docenti fuori graduatoria, che avevano già accettato la nomina telefonicamente, per adesso, ha sospeso il tutto per capire bene cosa fare. La segretaria dell'altra scuola sentite le nostre ragioni (appoggiava la nostra tesi...) ci ha assicurato che ne avrebbe discusso domani col dirigente. Terza scuola, il dirigente, uno “tosto”, sentito il nostro collega ci ha assicurato che prima di muoversi avrebbe sentito gli altri dirigenti.

In seguito tappa dal primo sindacato che dopo qualche remora e in seguito alla nostra insistenza e incazzatura ha cominciato a fare un giro di telefonate per capire cosa si potesse fare. Nel frattempo è arrivata la seconda nota n. AOODGPER. 9594 ... (leggete le note).

Per ultimo cgil. Secondo me sapevano già del casino che avevamo creato. Comunque dopo aver discusso per circa un'ora ed aver esaminato le circolari hanno deciso, a livello territoriale, di fare una circolare diretta ai dirigenti invitandoli a proseguire con le nomine da GI fino al 30/06, in quanto l'avente diritto sulle messe a disposizione non esiste ed evitando così anche l'interruzione di pubblico servizio (gli alunni h hanno diritto ad essere seguiti...).

Nel frattempo gli stessi dirigenti provvederanno a preparare le graduatorie delle messe a disposizione e a verificare bene come indicato nelle due note, procedura che richiederà minimo qualche giorno o una settimana, si spera anche di più.

Versione stampabile
anief

In evidenza