Licei quadriennali, Toccafondi: non temiamo la sperimentazione. Percorso di qualità

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La sperimentazione relativa ai Licei quadriennali ha dato vita ad un acceso dibattito sulla validità della stessa che, secondo studenti e sindacati, non sarebbe altro che un tentativo di risparmiare sulla scuola pubblica. 

Licei quadriennali, Rete Studenti: tentativo risparmio sulla scuola pubblica. Serve riforma dei cicli

Licei quadriennali, Flc Cgil: sperimentazione sarà un successo perché vi parteciperà un’élite di 2 mila studenti. Ritirare decreto

Sulla questione è intervenuto il sottosegretario al Miur, Gabriele Toccafondi, a margine delle celebrazioni per i 73 anni dalla Liberazione di Firenze, come riferito dall’Ansa.

il Sottosegretario ha sottolineato che si tratta di una sperimentazione, per cui è necessario vedere i risultati: “non ci dobbiamo fasciare il capo prima che si sia rotto”.

Toccafondi ha ribadito che nel resto d’Europa gli studenti terminano la scuola tra i 17 e i 18 anni, per cui vale la pena procedere alla sperimentazione.

Ha poi evidenziato che gli alunni non perderanno ore di lezione, in quanto quelle previste per il quinto anno verranno spalmate nei quattro anni precedenti.

Il percorso, inoltre, prevede l’insegnamento di una materia almeno in lingua inglese e si adotteranno metodologie didattiche innovative.

Insomma, per il Sottosegretario si tratta di un percorso di qualità.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief