Fedeli, sì a dialogo con sindacati per comuni obiettivi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Credo che sia importante il dialogo che c’è tra la mia funzione di ministro della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca e chi rappresenta una parte del mondo del lavoro come la Uil. Abbiamo impostato sin dall’inizio un rapporto molto costruttivo, anche se ciascuno ha le proprie opinioni e le proprie funzioni e credo che questo dialogo debba continuare e protrarsi nel tempo”.

A dirlo il ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, durante una tavola rotonda sul tema ‘Nelle scuole, tra la gente’ organizzato dalla Uil Scuola a Castellaneta Marina (Taranto).

“Mi è sembrato importante esserci – ha aggiunto Fedeli – come ho fatto a Roma partecipando a un’iniziativa nazionale della Cisl Scuola e interloquire sui temi che la Uil confederale e nazionale ci pongono. Io penso che la qualità migliore per raggiungere gli obiettivi sia il dialogo facendo prevalere ciò che ci unisce, lasciando ovviamente le distinzioni sulle cose che ci possono vedere ancora con posizioni differenti. Ma così si fa sistema-paese e si rilancia l’Italia”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief