Scuole aree a rischio educativo: ipotesi di CCNI per la ripartizione delle risorse

di Nino Sabella
ipsef

Si è svolto in data odierna, 18/02/2016, un incontro tra MIUR e OO.SS. per la sosttoscrizione dell'ipotesi di CCNI sui criteri e parametri di attribuzione delle risorse per le scuole collocate in aree a rischio educativo, con forte processo immigratorioe contro la dispersione scolastica per l'anno scolastico 2015/16. 

Si è svolto in data odierna, 18/02/2016, un incontro tra MIUR e OO.SS. per la sosttoscrizione dell'ipotesi di CCNI sui criteri e parametri di attribuzione delle risorse per le scuole collocate in aree a rischio educativo, con forte processo immigratorioe contro la dispersione scolastica per l'anno scolastico 2015/16. 

Nell'ipotesi, leggiamo che i parametri di tipo sociale, sanitario, economico, culturale e quelli relativi all'incidenza della criminalità, utilizzati dall'ISTAT e da altri Istituti competenti, cosi come gli indicatori riferiti alle istituzioni scolastiche sia per la dispersione scolastica che per gli alunni stranieri vengono confermati al fine di determinare la distribuzione delle risorse finanziarie a livello regionale.

Alle scuole collocate in aree a rischio educativo e a forte processo immigratorio viene destinata la somma di euro 18.458.933,00. Tale somma verrà ripartita a livello regionale in proporzione ai precedenti anni scolastici, secondo la tabella allegata al contratto.

 

L'ipotesi di Contratto

 

 

 

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief