Mercoledì, 29 Giugno 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Quante e quali novità per il trasferimento 2016/17? Probabile conferma delle precedenze valide nel corrente anno scolastico

di redazione
ipsef

consulenza

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Trasferimento interprovinciale su ambito territoriale: il docente che non lo ottiene conserva l’attuale titolarità

Anna – Sono un’insegnante di scuola primaria di ruolo dal 1995 dovendo quest’anno presentare domanda di trasferimento al nord per motivi familiari volevo sapere se si può fare domanda da scuola a scuola oppure diversamente a cosa vado incontro. Se non dovessi ottenere il trasferimento conserverò la titolarità nella mia scuola di appartenenza. Grazie.

Movimento da sostegno a materia: può essere trasferimento o passaggio di ruolo. Chiarimenti

Patrizia – Sono un insegnante di sostegno titolare in una scuola secondaria di primo grado, vorrei sapere se è possibile chiedere il passaggio alla mia materia, Educazione fisica, inoltrando una domanda per il prossimo anno richiedendo ancora un trasferimento su istituto, all’interno della provincia, o corro il rischio di finire negli ambiti territoriali? Grazie

Quante e quali novità per il trasferimento 2016/17? Chiarimenti

Mafalda – Sono una docente di ruolo nella scuola dell’infanzia dal 1991, quest’anno vorrei chiedere il trasferimento in un altro comune della stessa provincia. Sono preoccupata perché non so come stanno realmente le cose. Se ottengo il trasferimento poi sarò titolare di quella scuola come negli anni passati? Cosa sono gli ambiti territoriali? Cosa è cambiato? Quali sono le novità riguardo alla domanda di trasferimento rispetto agli anni precedenti? E se non ottengo il trasferimento dove andrò? Vi ringrazio per le risposte che cortesemente vorrete darmi.

Docente soprannumerario e passaggio di ruolo: si perde il punteggio di continuità e il diritto a rientrare nella scuola di ex-titolarità

Maria – Con le novità introdotte dalla riforma si pone un dubbio: insegno a t.i. in scuola infanzia (sostegno) dal 2000/01,dovrei diventare perdente posto e fare quindi la domanda di assegnazione ad altro IC decidendo se conservare comunque il posto nel mio IC. Se chiedessi il passaggio di ruolo per scuola Secondaria I grado (abilitazione conseguita con concorso riservato dell’a.s. 2001/02 ) finirei negli ambiti territoriali e partirei da punti 0? Se, invece, non fossi perdente posto e decidessi comunque di chiedere il passaggio di altro ruolo? Grazie mille

Il passaggio di ruolo esiste sempre e se si hanno i requisiti si potrà chiedere anche per l’a.s. 2016/17

Ilenia – Forse pongo una domanda banale, ma non ho trovato risposta. Vorrei sapere se un’insegnante, abilitata nelle classi A052 e A051 ed entrata di ruolo nella A043 nel settembre 2014, in seguito al superamento del concorso, può chiedere quello che un tempo si chiamava “passaggio di ruolo”. In caso di risposta affermativa, quali sono i passi da fare? Grazie infinite

Il movimento da sostegno a posto comune nello stesso grado di titolarità è un trasferimento non un passaggio di ruolo

Giuliana – Vorrei sapere se il passaggio da posto di sostegno a posto comune nella scuola primaria é un passaggio di ruolo o un semplice trasferimento, perché mi sembra di aver capito che nel primo caso la mobilità passerebbe dagli ambiti territoriali mentre nel secondo caso, solo più per quest’anno, si potrà chiedere il trasferimento su un istituto scolastico specifico.  Grazie per il vostro utilissimo servizio.

Docente in ruolo dall’a.s. 1995/96 e trasferimento provinciale intercomunale per l’a.s. 2016/17: rientrerebbe nella II fase dei movimenti

Roberta – Sono un’insegnante di scuola primaria di ruolo dal 1995-96. L’anno scorso ho chiesto e ottenuto un trasferimento, ma quest’anno per motivi personali avrei la necessità di chiederlo nuovamente in altro comune della stessa provincia. Se fossero confermate le ipotesi sulle fasi, potrei richiedere trasferimento su scuola e non su ambiti? Questa possibilità riguarderebbe anche i movimenti volontari o solo casi particolari (soprannumerari, perdenti posto,…). E se non dovessi ottenerlo, andrei negli ambiti o rimarrei nella scuola in cui sto lavorando? Grazie mille

Docente soprannumerario nell’ottennio e trasferimento 2016/17: potrà chiedere il rientro nella scuola di precedente titolarità nella I fase dei movimenti

Anna – Sono di ruolo da 11anni e da 8 sono titolare presso la stessa istituzione. Lo scorso anno sono diventata perdente posto e ho trovato d’ufficio la sede in un paesino vicino il mio. Vorrei sapere che possibilità ho di rientrare al mio paese con la nuova mobilità . Grazie!

Docente in ruolo dall’a.s. 2014/15 in anno di prova può chiedere trasferimento per l’a.s. 2016/17

Silvia – Sono una docente di sostegno nella scuola dell’infanzia. Sono entrata di ruolo come docente di sostegno il 1 settembre 2014, ma non ho potuto effettuare l’anno di prova perché andata in maternità anticipata, quindi quest’anno sto effettuando l’anno di prova. Come d’obbligo ho fatto domanda di trasferimento nell’anno di immissione in ruolo e mi hanno riconfermato il posto dove stavo già lavorando. Quest’anno vorrei rifare domanda di trasferimento sempre nella stessa provincia ma comune diverso d quello di titolarità, in che fascia sono? Valgono le vecchie regole per me o già quelle della 107, sceglierò per scuole o per ambiti? Grazie mille

Trasferimento da posto comune a sostegno per docente in ruolo dall’a.s. 2016/17: sarà su scuola e non su ambito territoriale

Paola – Sono una docente di musica nella scuola media titolare di cattedra dal 2006. Quest’anno, essendomi specializzata, ho chiesto ed ottenuto l’utilizzo su sostegno nella mia scuola. Per l’anno prossimo posso chiedere il passaggio di ruolo da musica a sostegno nella mia scuola o finisco negli ambiti territoriali? E se così fosse, posso richiedere nuovamente l’utilizzo su sostegno evitando gli ambiti territoriali e mantenendo la titolarità sulla cattedra di musica nella mia scuola? Grazie mille

Mobilità 2016/17: probabile conferma delle precedenze valide nel corrente anno scolastico

Ira – Sono docente di inglese di ruolo dal 2005 in scuola superiore di II grado, titolare di 104. Il mio dubbio è il seguente: vorrei chiedere il trasferimento per avvicinarmi alla città di residenza dove abito con mio figlio, diversamente abile. Esiste ancora per quest’anno la priorità per i titolari di 104? Grazie

Passaggio di ruolo 2016/17: sarà negli ambiti territoriali

Sergio – Sono un docente di matematica e scienze a tempo indeterminato dal 2007 nella scuola media e vorrei fare, per il prossimo anno scolastico, il passaggio di ruolo alle scuole superiori per la classe di concorso A060, nello stesso comune anzi nello stesso istituto omnicomprensivo. Il posto al quale aspiro è occupato da una collega che ha chiesto di essere posta in quiescenza per malattia e dovrebbe avvenire dal primo settembre 2016,vorrei sapere nel caso in cui la cattedra rimane occupata dalla collega perché non le viene accettata la richiesta di pensione, cosa succede? Io rimango sulla cattedra di titolarità oppure vengo a perdere la titolarità e quindi finisco “nel calderone” dell’ambito territoriale? Grazie della cortese attenzione. Distinti saluti.

Mobilità interprovinciale 2016/17: ambiti territoriali e chiamata diretta da parte del DS con proposta di incarico triennale

Adriana – Vorrei una delucidazione per ciò che riguarda la mobilità straordinaria. Sono una docente di ruolo alla primaria dal 2012, volendo chiedere il trasferimento in altra regione perderò la titolarità o potrò chiedere la scuola e avere di nuovo la classe? E inoltre, avrò un contratto triennale? Grazie.

Docente titolare D.O.S. e mobilità per l’a.s. 2016/17. Chiarimenti

Maria – Sono docente DOS dall’a.s. 2014/15. Se le anticipazioni sul contratto mobilità 2016/17 fossero confermate, sarà possibile presentare domanda di mobilità sia per la I fase per avere titolarità nella scuola di attuale utilizzo sia per la mobilità interprovinciale? In altre parole, se non ci fosse disponibilità di posti nell’ambito (o scuole) prescelto, potrei riuscire a rimanere nella scuola dove sono quest’anno? Grazie per le vostre indispensabili consulenze.

Movimento da sostegno a materia nello stesso grado di istruzione: è un trasferimento e non prevede l’anno di prova

Emanuela – Quest’anno sono passata dal sostegno alla mia materia sempre alle medie dopo cinque anni. La mia DS sostiene che dovrei ripetere l’anno di prova con le stesse modalità dei neo immessi in ruolo, mentre al sindacato mi dicono che dovrei fare eventualmente una relazione finale e passare dal comitato di valutazione senza però ripetere la formazione on line ed il resto. Grazie per la cortese risposta

Docente immesso in ruolo in fase 0 potrà chiedere trasferimento interprovinciale?

Arianna – Sono un’insegnante entrata in ruolo nella fase 0 in una provincia diversa da quella di residenza. Siccome a marzo ho intenzione di chiedere il trasferimento nella mia provincia, vi chiedo nel mio caso, rientrerei negli ambiti territoriali o nella singola sede? Grazie anticipatamente.

Docente soprannumerario, trasferimento d’ufficio e nuova titolarità: non è obbligato a presentare domanda condizionata

Antonia – Sono una docente di lettere A/051 dichiarata soprannumeraria per il corrente anno scolastico e trasferita d’ufficio nel mio comune di residenza. Vorrei sapere se per l’a.s 2016/17 sono obbligata a produrre domanda di trasferimento condizionata oppure se, considerando il trasferimento d’ufficio nel mio comune di residenza, posso anche non produrre alcuna domanda e se, in tal caso, avrei diritto a rimanere su questa stessa sede.

Trasferimento 2016/17 per docente in ruolo dall’a.s.1991/92: sarà presumibilmente su scuola e non su ambito territoriale

Silvia – Sono un’insegnante di inglese in ruolo dal 1992 in un Liceo di Torino. Quest’anno vorrei presentare domanda di trasferimento per assistere meglio un genitore malato di Alzheimer: vorrei però indicare solo due scuole vicine alla casa dei miei. E’ ancora possibile indicare scuole specifiche oppure finirò nell’ambito territoriale? Mi hanno detto che nelle città metropolitane l’ambito territoriale comprenderà scuole per un totale di 80.000 allievi, quindi, paradossalmente, io rischierei di finire in una scuola ancora più lontana di quella in cui già lavoro; inoltre, è vero che perderò tutto il mio punteggio accumulato e che rischio di finire a fare il potenziamento oppure a colmare il buco anche di una scuola media dell’ambito territoriale che in una città risulterà molto ampio? Grazie anticipatamente

Docente beneficiario della legge 104/92 per assistenza a genitore disabile: ha precedenza per l’AP, ma non per il trasferimento interprovinciale

G.M.T. – Sono un’insegnante di sostegno entrata di ruolo nell’a.s.2015/16 in un’altra Regione in fase 0. Sono figlia unica di padre certificato ex l. 104, art. 3, c. 3, residente nella mia Regione di origine. Volevo sapere se ho qualche possibilità di potere rientrare nella mia terra con assegnazione provvisoria o anche trasferimento. Grazie per la disponibilità

Chiedilo a Lalla

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza