Giovedì, 26 Maggio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Domenica 13 marzo, a Roma, verranno ufficialmente presentati i quesiti dei Referendum contro la legge 107/15

di redazione
ipsef

COBAS -  Domenica 13 marzo, a Roma, verranno ufficialmente presentati i quesiti dei Referendum contro la legge 107/15 (quella sulla scuola). Un ampio schieramento sindacale e sociale, dai primi di aprile, inizierà la raccolta firme per sottoporre al giudizio dei cittadini italiani le parti peggiori della legge: chiamata diretta dei docenti da parte dei presidi, “premio” per i cosiddetti docenti meritevoli, organizzazione dell’alternanza scuola-lavoro, ecc.

I Cobas Scuola, fra i promotori dei referendum, intendono sviluppare una grande campagna di informazione per ribadire la centralità della scuola della Costituzione e l’importanza di garantire a tutte/i i cittadini il diritto allo studio.

Nei prossimi mesi, perciò, accanto alla raccolta delle firme, nelle singole scuole ci impegneremo per garantire libertà didattica e di insegnamento, per stimolare, contro la logica dei quiz Invalsi, un sapere autonomo e critico, per ribadire una visione democratica e partecipata della vita scolastica.

A Catania abbiamo lanciato una petizione, già firmata da centinaia di docenti, con la quale si rifiutano gli eventuali premi (destinando quei soldi in donazioni per le scuole, cioè libri, strumenti didattici, ecc.).

Inoltre, contro le assurde modalità della mobilità del personale docente (purtroppo sottoscritte dai sindacati confederali) stiamo organizzando la presentazione dei ricorsi (cosiddette fasi B e C) per garantire  a tutti uguali diritti.

Infine, stiamo organizzando la presentazione dei ricorsi per tutti quei docenti che, sprovvisti di abilitazione, ma, magari, da anni presenti nelle scuole, non sono stati ammessi al prossimo concorso.

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza