Visualizza versione mobile

Martedì, 26 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Bullismo a Pordenone. I genitori potrebbero essere accusati di omessa vigilanza

di redazione
ipsef

"Mi dicevano: ucciditi. Perché non ti uccidi?", ha riferito la ragazzina ricoverata nell'ospedale di Udine con fratture al tallone ma fuori pericolo, dopo essersi lanciata dalla finestra della sua cameretta.

I ragazzini scrivevano frasi moleste e ingiuriose su telefonini intestati ai genitori, perché un minorenne non può intestarsi una sim. Ed ora i genitori rischiano una indagine per omessa vigilanza: avrebbero dovuto sapere che i figli si comportavano da bulli nei confronti di una compagna di classe.

"L'omessa vigilanza è connessa con la responsabilità genitoriale: se un figlio commette un reato, questo viene addossato al genitore", commenta con l'HuffPost l'avvocato Giorgio Vaccaro, esperto di diritto di famiglia. "In questo caso non occorre che i presunti atti di bullismo siano stati commessi con il telefonino o usando un computer".
 "I magistrati dovranno però verificare l'imputabilità di questi ragazzini e, come accade normalmente, anche l'ambiente famigliare della vittima per comprendere la sua tenuta psicologica o l'eventuale esistenza di problematiche gravi in casa". 

Questa verifica riguarderà "tutti i minorenni coinvolti" e accerterà la responsabilità dei genitori, i quali potrebbero  essere chiamati in causa per non aver controllato i messaggi dei loro figli.

I parlamentari intanto chiedono di velocizzare l'iter del disegno di legge contro il bullismo, che darebbe ai genitori delle vittime la facoltà di chiedere l'oscuramento immediato dei dati e delle informazioni divulgate nei siti senza il consenso dei ragazzi e prevede anche che se il piccolo bullo viene ritenuto responsabile di minaccia o diffamazione prima della denuncia potrà essere ammonito.

Il ministro Giannini ha fatto sapere che invierà personale del ministero alla scuola di Pordenone:" “Il Miur – ha ribadito Giannini - si è già attivato per un supporto alla scuola. Nei prossimi giorni, il personale ministeriale sarà a Pordenone per sostenere la comunità scolastica. Per prevenire questi episodi – ha detto ancora il Ministro – bisogna lavorare anche al di fuori delle istituzioni scolastiche, senza trascurare l’impegno che già da tempo portiamo avanti nei confronti degli insegnanti, per sensibilizzarli nei confronti del bullismo”.

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza