Mobilità, passaggio di cattedra e/o di ruolo: quante domande, quante preferenze, quale movimento prevale. Le nostre FaQ

di Giovanna Onnis
ipsef

La mobilità professionale comprende due tipologie di movimenti: il passaggio di cattedra e il passaggio di ruolo. Con il passaggio di cattedra il docente chiede una classe di concorso diversa da quella di titolarità, appartenente, però, allo stesso grado di istruzione in cui è titolare.

Con il passaggio di ruolo il docente chiede un ordine o grado di istruzione diverso rispetto a quello di titolarità.

Per poter partecipare alla mobilità professionale il docente deve essere in possesso di due requisiti fondamentali e indispensabili , come chiarisce l’art.4 del CCNI sulla mobilità 2017/18.

Al momento di presentazione della domanda i docenti interessati a questa tipologia di movimento devono aver superato l’anno di prova nel ruolo di appartenenza e devono essere in possesso della specifica abilitazione per il passaggio di ruolo richiesto o, nel caso di passaggio di cattedra, della specifica abilitazione alla classe di concorso richiesta.

In relazione alle domande che un docente può presentare, sia come numero che come tipologia, sono tante le incertezze e i dubbi che molti insegnanti esternano alla nostra redazione, chiedendo chiarimenti in merito.

Riportiamo di seguito i quesiti più frequenti

Posso presentare contemporaneamente domanda di passaggio di cattedra e di passaggio di ruolo?

La risposta è affermativa.

Il docente in possesso dei requisiti indicati nel contratto, può presentare, senza nessun impedimento, sia domanda di passaggio di cattedra che domanda di passaggio di ruolo.

Quante domande di passaggio di cattedra posso presentare?

E’ possibile chiedere il passaggio di cattedra per tutte le classi di concorso del grado di istruzione di titolarità, per le quali il docente possiede specifica abilitazione.

In questo caso sarà necessario presentare tante domande quante sono le classi di concorso richieste

Se presento più domande di passaggio di cattedra, con quale ordine saranno valutate?

Il docente che presenta più domande di passaggio di cattedra ha la possibilità di indicare nel modulo di domanda l’ordine di priorità con il quale vuole che sia valutata la richiesta di quella specifica classe di concorso.

In una specifica casella del modulo, alla seguente richiesta “Nel caso il candidato abbia presentato più domande di passaggio, indicare l’ordine di trattamento (1°-2°-3°,etc) della domanda rispetto alle altre”, il docente dovrà rispondere indicando l’ordine di gradimento.

Se presento sia domanda di passaggio di cattedra che domanda di trasferimento, quale movimento avrà prevalenza?

In caso di richiesta contestuale di trasferimento e passaggio di cattedra, il docente dovrà precisare a quale dei due movimenti intende dare precedenza.

Anche in questo caso nel modulo di domanda c’è una specifica casella dove il docente dovrà rispondere al seguente quesito: “Nel caso il candidato abbia presentato domanda di trasferimento, preferisce dare precedenza al trasferimento?”

In caso di assenza di tale indicazione, se il docente non risponde, prevale il passaggio di cattedra.

Se presento più domande di passaggio di cattedra, le preferenze esprimibili dovranno essere 15 in totale per tutte le domande complessivamente oppure potrò indicarne 15 anche diverse per ciascuna domanda?

Per il docente che chiede passaggio per più classi di concorso, ogni domanda di passaggio di cattedra è indipendente dall’altra e, conseguentemente, per ogni classe di concorso richiesta ha la possibilità di esprimere un totale di 15 preferenze, rispettando i requisiti indicati dalla normativa, cioè fino a 5 scuole e le restanti ambiti e/o province. Le preferenze indicate in ciascuna domanda possono, quindi, in base alla volontà e alle esigenze del docente e nel rispetto della normativa, essere diverse sia come numero, sia come tipologia, sia come sedi richieste.

Quante domande di passaggio di ruolo posso presentare?

Il passaggio di ruolo può essere richiesto per un solo grado di scuola (Infanzia o Primaria o Secondaria I grado o Secondaria II grado), per la provincia di titolarità o anche per più province, esprimendo le preferenze, sia provinciali che interprovinciali, in un’unica domanda, come chiarito nell’art.6 del CCNI sulla mobilità 2017/18.

Nell’ambito del singolo ruolo, il passaggio può essere chiesto per più classi di concorso appartenenti allo stesso grado di scuola.

Nel caso di richiesta di passaggio di ruolo per diverse classi di concorso dello stesso grado richiesto, quante domande si devono presentare?

Come per il passaggio di cattedra, anche per il passaggio di ruolo, sarà necessario presentare tante domande quante sono le classi di concorso richieste per il passaggio

Se presento contemporaneamente domanda di trasferimento, passaggio di cattedra e passaggio di ruolo, quale movimento avrà prevalenza?

Nel caso di richiesta contestuale di trasferimento, passaggio di cattedra e passaggio di ruolo, il conseguimento del passaggio di ruolo rende inefficace la domanda di trasferimento e di passaggio di cattedra o il trasferimento e il passaggio di cattedra eventualmente già disposti.

Voglio presentare domanda di passaggio di ruolo, ma non trovo, su Istanze on line, il modulo da compilare per questo tipo di movimento, come posso fare?

Il docente che intende presentare domanda di passaggio di ruolo troverà il modulo da compilare nella specifica sezione “Domanda Mobilità 2017/18…” del grado di istruzione che intende chiedere.

Un docente di scuola Secondaria I grado che intende chiedere passaggio di ruolo per la Secondaria II grado dovrà, quindi, accedere nella sezione “Domanda Mobilità Secondaria II grado2017/18”, non potendo trovare il modulo di passaggio per questo grado di istruzione nella sezione relativa al suo grado di titolarità che è la Secondaria I grado

Mobilità 2017: si può compilare la domanda, le istruzioni. I modelli e autodichiarazione, i bollettini delle scuole e ambiti, le tabelle di vicinanza …

Mobilità scuola docenti 2017: vademecum compilazione domanda e modelli per dichiarazioni personali

Tutte le guide

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief