Il ruolo per i docenti di II e III fascia diventa una chimera. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Le ultime considerazioni riguardo la fase transitoria,espresse da parte dell’On, Chimenti e dell’ANIEF stanno gettando nello sconforto i docenti precari di I e II fascia.

Tutto ciò è la conseguenza della confusione e della superficialità che regna nel PD e nel Governo. Le conseguenze per questi docenti saranno drammatiche : i docenti inseriti nella I e II fascia di verranno gettati nella pattumiera e sostituiti da docenti tirocinanti a 400 euro al mese.

Nè la Corte Costituzionale nè il TAR, e neanche la riforma Madia, hanno considerato questi docenti che ancora oggi stanno con passione e dedizione contribuendo al corretto funzionamento del sistema scolastico. Infatti, per la Suprema Corte il piano di assunzioni (senza nè arte né parte) previsto dal Governo avrebbe ottemperato ai rilievi espressi dalla sentenza della Corte Europea.

E i docenti abilitati di II fascia ? probabilmente non sono stati considerati come tali. Molti docenti abilitati avevano riposto le loro speranze nel TAR : probabilmente anche per questa Istituzione dello Stato i docenti abilitati di II fascia non hanno gli stessi diritti dei colleghi inseriti nelle Gae (sono solo abilitati e non hanno vinto nessun concorso a cattedra). Il ruolo per i docenti di II e III fascia diventa una chimera.

Piero Aguti

Versione stampabile
anief anief