Fondo finanziamento Università, PCI: “La ripartizione della miseria”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato PCI – La titolare del MIUR ha, nei giorni scorsi, firmato il decreto con i criteri di riparto del Fondo di finanziamento ordinario 2017 per gli atenei italiani.

Si tratta ancora una volta della ripartizione della miseria, nonostante il propagandistico comunicato con cui il ministero ha accompagnato l’atto, al solito farcito di parole (futuro del paese, società della conoscenza ecc.) tanto impegnative quanto prive di ogni corrispettivo nelle scelte reali. -hanno dichiarato Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola e università e Francesco Polcaro, della commissione università del PCI

Non è solo il giudizio dei comunisti. Inequivocabili sono le parole del CUN, organo elettivo di rappresentanza del sistema universitario italiano, che sottolinea come continui la prolungata carenza complessiva di risorse che disallinea il Paese rispetto alle altre nazioni avanzante e compromette la capacità di perseguire con efficacia l’attività istituzionale universitaria. In assenza di risorse aggiuntive è pesantemente in pericolo la sostenibilità economica delle attività universitarie.

Di fronte a questo ulteriore atto di irresponsabilità nei confronti del paese ed in primo luogo delle giovani generazioni, il PCI conferma il proprio impegno per costruire un costante impegno di lotta unitario, negli atenei e nella società per rovesciare queste scelte politiche disastrose e per rilanciare il sistema universitario pubblico. – hanno concluso Cangemi e Polcaro.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief