Esami di Stato 2017: in quale provincia si presenta la domanda. Info per docenti in assegnazione provvisoria

di redazione
ipsef

item-thumbnail

In quale provincia presentare domanda per la partecipazione agli Esami di Stato in qualità di commissario esterno o Presidente?

In quella di servizio? In quella di residenza? In quella di assegnazione provvisoria?

Premesso che per sede di servizio si intende quella in cui si sta insegnando per l’a.s 2016/17, e dunque chi è in assegnazione provvisoria deve intendere quella in cui sta svolgendo quest’anno il servizio, la circolare sugli Esami di Stato così dispone

“Le sedi esprimibili possono essere i distretti scolastici (ad esclusione del distretto scolastico ove è presente la scuola in cui si presta sevizio) ed i comuni della provincia di servizio o residenza, purché compresa nella regione di servizio, e, per il personale non in servizio, nella sola provincia di residenza. Non possono essere richieste sedi al di fuori dell’ambito provinciale.”

Quindi chi è in assegnazione provvisoria può richiedere la provincia di servizio dell’a.s. 2016/17 o la provincia di residenza, se diversa, purchè sia compresa nella stessa regione di quella di servizio.

Il personale non in servizio che ha la facoltà di presentare la domanda (ad es. supplenti che negli ultimi tre anni abbiano avuto un incarico) può richiedere invece solo la provincia di residenza.

Ci risulta però che il sistema non sia stato adeguato. Alcuni  docenti in assegnazione provvisoria ci segnalano l’obbligo alla presentazione della domanda su provincia di titolarità. Chiariremo nei prossimi giorni.

Esami di Stato II grado, guide, consulenza e normativa. Requisiti commmissari, presentazione domande, messa a disposizione, esempi seconda e terza prova

Versione stampabile
anief anief