Docenti immessi in ruolo nella fase B e declassati su ordine di scuola inferiore per un algoritmo. Lettera

di redazione
ipsef

Gruppo docenti fase B – Cari docenti da quando  è entrata in vigore la riforma "Buona Scuola" si assiste nelle scuole ad una situazione di confusione e malcontento generale.

Gruppo docenti fase B – Cari docenti da quando  è entrata in vigore la riforma "Buona Scuola" si assiste nelle scuole ad una situazione di confusione e malcontento generale.

Chi vi scrive è un gruppo di docenti immessi in ruolo nella fase B. Dovremmo essere contenti e invece non lo siamo. Il motivo? Essere stati immessi in ruolo su classi di concorso delle scuole secondarie di 1° grado dove abbiamo pochi punti (circa 20) e non sulle classi di concorso delle scuole secondarie di 2° grado dove abbiamo un punteggio maggiore (circa 180). 

Perchè è accaduto tutto ciò? Solo per aver conseguito un'abilitazione anche per le scuole medie.

Inoltre noi docenti della fase B siamo stati mandati tra le varie regioni d'Italia con criteri disparati, costretti ad abbandonare le famiglie e a sostenere spese economiche elevate.

E non è finito qui !!

Non ci è consentito neanche svolgere l'anno di prova mentre ai docenti immessi in ruolo nella fase C è stato consentito pur insegnando su ordini di scuola diversi.

Poi nella fase C sono stati creati posti di insegnamento nelle nostre province che sono stati occupati da docenti immessi in ruolo alle superiori con punteggi inferiori ai nostri ( o addirittura senza aver mai insegnato) e quindi con meno esperienze didattiche e psico-pedagogiche.

Tutto ciò è assurdo!!!

Non ci si può affidare per l'immissione in ruolo ad un algoritmo che ci tratta come numeri da assegnare a dei posti senza andare, invece, a valutare su quali ordini di scuola si sono maturate le esperienze didattiche.

Per tale motivo, quindi, e per evitare tanti ricorsi chiediamo che si apportino modifiche alla riforma "Buona Scuola".

Speriamo che nella prossima domanda di Mobilità 2016 sia consentito, ad esempio, ai docenti oltre che di ritornare nelle province di residenza ma anche di poter dar loro la possibilità di tornare ad insegnare alle superiori le discipline per le quali sono abilitati e dove hanno acquisito conoscenze e competenze e non a declassarli su ordini di scuola inferiori ( scuole medie) in cui hanno maturato poco punteggio.

Ci sembra che questo significhi "Buona Scuola" e non far insegnare un docente con punteggio inferiore ai nostri ( o che non ha mai insegnato) alle superiori e noi con più punti alle inferiori!!!

GRUPPO DOCENTI FASE B

Versione stampabile
anief anief