Diplomati magistrale: altri 60 insegnanti entrano in GaE a Ravenna. Remissione ad adunanza plenaria non frena giudici del lavoro

di redazione
ipsef

Anief –  Continuano le vittorie dell’ANIEF per i diplomati magistrale anche dopo la remissione all’Adunanza Plenaria della questione del loro inserimento in GAE.

Anief –  Continuano le vittorie dell’ANIEF per i diplomati magistrale anche dopo la remissione all’Adunanza Plenaria della questione del loro inserimento in GAE.

Il nostro sindacato, dopo aver ottenuto la prima storica sentenza in Consiglio di Stato per i diplomati magistrale, continua nella sua azione di tutela innanzi al Giudice del Lavoro. Gli Avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli e Tiziana Sponga hanno ottenuto oggi un nuova pronuncia del Tribunale di Ravenna che, respingendo il reclamo proposto dal MIUR, ha disposto l’inserimento in graduatoria di ben 60 nostri iscritti.

Nessun dubbio per il Tribunale del Lavoro di Ravenna che conferma come “non appare contestabile che l'inserimento nelle graduatorie ad esaurimento (in precedenza permanenti) è stato riconosciuto dall'art. 1, comma 605 della legge n. 296/2006 ai docenti in possesso al momento dell'entrata in vigore della legge, della abilitazione, ma le richieste degli attuali reclamati non possono essere tardive, avendo solo con l'emanazione del DPR del 25 marzo 2014, appreso che gli atti di aggiornamento delle graduatorie emanati negli anni dal MIUR erano illegittimi nella parte in cui venivano esclusi dalle graduatorie medesime, i titolari del diploma magistrale conseguito entro l'anno scolastico 2001/2002”.

I Giudici, dunque, ribadiscono che ha ragione l’ANIEF “atteso che il mancato esercizio del diritto da parte degli stessi va ricondotto, non tanto alla loro inerzia, quanto alla stessa impossibilità materiale del suo esercizio, in qualche modo, impedito “da una indiscussa prassi di misconoscimento attuata dalla pubblica amministrazione” che autoritativamente nemmeno consentiva “l’accesso telematico” rappresentativo dell’unica modalità per la presentazione della domanda” e confermano quanto già stabilito in fase cautelare “disapplicata la decretazione ministeriale (DM 235/2014 e ss.), che non ha consentito ai diplomati magistrali di presentare la relativa domanda di inserimento, va confermato il provvedimento reclamato” con la declaratoria del diritto dei ricorrenti all’inserimento nelle Graduatorie d’interesse.

Una nuova determinante vittoria targata ANIEF, dunque, che non solo conferma la validità delle tesi da sempre sostenute dal nostro sindacato, ma ribadisce che i docenti in possesso di diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/2002 sono stati da sempre e illegittimamente esclusi dal MIUR dalla possibilità di accedere alle Graduatorie a Esaurimento.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief