Concorso docenti 2016, Regione Sardegna: chiederemo decentramento prove

di redazione
ipsef

La Regione Sardegna chiederà al ministro Giannini che vi sia, per il prossimo concorso, almeno una sede nell'Isola. 

La Regione Sardegna chiederà al ministro Giannini che vi sia, per il prossimo concorso, almeno una sede nell'Isola. 

Com'è noto i decreti dei Direttori generali prevedono l'aggregazione territoriale delle procedure concorsuali per quelle classi di concorso per i quali sono banditi un numero esiguo di posti.

L'assessore Claudia Firino ha dichiarato all'agenzia Dire che illustrerà alla Giannini le difficoltà cui andranno incontro i candidati sardi qualora le prove concorsuali si svolgessero tutte nella Penisola.

Tale dichiarazione arriva dopo le proteste dei parlamentari di SEL e del CD e dopo quelle dei consiglieri regionali dell'UPC.

Sempre l'assessore Firino ricorda che, già nei mesi precedenti, l'amministrazione sarda aveva avanzato le proprie riserve al Governo, evidenziando la disparità di trattamento cui sarebbero stati soggetti i candidati della Regione, relativamente alle procedure di assunzione e stabilizzazione dei precari.

La richiesta della Regione, conclude l'Assessore, sarà argomentata con il fatto che le prove (quelle scritte) saranno svolto al computer, per cui non ci sarebbero grossi problemi a decentrare la procedura. 
 

Versione stampabile
anief anief