Visualizza versione mobile

Martedì, 26 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Il dirigente scolastico è responsabile della sicurezza, ma deve essere l'ente locale ad intervenire

di Giulia Boffa
ipsef

L'ex pm Guarinello ha sempre lottato per la sicurezza sul luogo di lavoro e nelle scuole, ma ha sempre sostenuto che i dirigenti scolastici non sono datori di lavoro come nel privato, perché non possono disporre di autonomia decisionale e di spesa.

I presidi hanno il compito di segnalare agli enti locali o allo Stato eventuali situazioni critiche riguardo alla sicurezza e questi hanno poi il compito di intervenire sia per problemi strutturali che di manutenzione. 

Il dirigente scolastico per le segnalazioni può avvalersi della collaborazione del responsabile del servizio prevenzione e protezione. Nell'attesa dell'intervento di chi di competenza, la scuola deve adottare tutte le misure che rientrano nelle sue facoltà, come stabilisce la Cassazione. 

Se l'ente locale o lo Stato non ha i soldi per intervenire, deve comunque garantire la sicurezza: il dirigente scolastico 
può anche vietare l'utilizzo di un edificio fatiscente.

Guarinello spiega alla Stampa di Torino inoltre che le norme tutelano non solo i lavoratori, come docenti e operatori ATA, ma anche gli studenti, come soggetti terzi, come in qualunque ambiente di lavoro in cui ci sono utenti e clienti. 

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza