Concorso e graduatorie ATA: bando 24 mesi entro fine febbraio, poi aggiornamento III fascia istituto. Saranno modificate le tabelle dei titoli

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Novità per le Graduatorie ATA.

Graduatorie ATA 24 mesi: chi può inserirsi, cosa si intende per profili immediatamente superiori, i modelli di domanda

Graduatorie ATA: dal 4 maggio al 5 giugno scelta sedi. Allegato G per prima fascia e allegato A per seconda fascia


Graduatorie ATA: dal 4 maggio al 5 giugno scelta sedi. Allegato G per prima fascia e allegato A per seconda fascia

Nel corso dell’incontro svoltosi oggi presso il Ministero i sindacati hanno appreso alcune importanti novità, tra cui la volontà del Ministero di modificare la tabella dei titoli, nonchè il periodo di presentazione della domanda.

Si partirà, come di consueto, con l’aggiornamento annuale delle Graduatorie permanenti (concorso 24 mesi) riservato a chi ha raggiunto 24 mesi di servizio.

Intenzione del Ministero è quella di modificare la tabella di valutazione dei titoli, al fine di inserire le certificazioni informatiche e far valere il servizio maturato dai candidati nei profili ATA delle scuole delle province autonome di Trento e Bolzano

Il bando dovrebbe essere predisposto entro fine febbraio. Ogni USR indicherà poi i tempi per la presentazione della domanda.

Per quanto riguarda invece la III fascia delle graduatorie di istituto, l’aggiornamento sarà successivo a quello dei 24 mesi. Anche in questo caso sembra prevalere l’intenzione di modificare la tabella di valutazione dei titoli. Il motivo addotto dal MIUR- spiegala FLCGIL – sarebbe quello di diversi ricorsi da parte delle società informatiche, le cui certificazioni non erano state contemplate.

Anche per il triennio 2017/20 la domanda sarà cartacea mentre Istanze on line si utilizzerà per la scelta delle scuole, come nel precedente aggiornamento.

Non è stato ancora fornita una data utile per la presentazione delle domande, anzi si cerca di capire quali graduatorie utilizzare in caso di ritardi nella pubblicazione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief