Zingaretti (Pd): ecco il piano infanzia, si riparta dai più piccoli

Stampa

I bambini prima di tutto. Parte dai più piccoli il piano del Partito Democratico per la ripartenza del nostro Paese in questa fase 2. 

Ad annunciarlo è stato il segretario, Nicola Zingaretti, che prevede l’attivazione di centri estivi, contrasto alle divergenze nell’accesso alla tecnologie digitali e soprattutto il potenziamento dei servizi scolastici ed educativi compresa l’inclusione dei bambini e ragazzi disabili e di quelli appartenenti ai gruppi sociali più vulnerabili.

L’attenzione così accurata sui più piccoli è studiata anche per il suo risvolto diretto sul mondo femminile che in questo modo potrebbe tornare alla routine di produttività in maniera più veloce e tranquilla. Non a caso nella strategia del Partito democratico rientra anche l’estensione del bonus baby sitter e i congedi parentali più flessibili, fruibili con modalità “a ore”.

Il “Piano per l’Infanzia” del Pd, come si legge su Repubblica.it, è frutto di una collaborazione con “una ventina tra i soggetti più rappresentativi del mondo della scuola, del Terzo settore, della sanità e delle istituzioni locali (Save the Children, Cittadinanza Attiva, Forum delle Famiglie, Alleanza per l’Infanzia, Associazioni Famiglie Affidatarie) che meglio conoscono e operano su questi temi”.

Per Nicola Zingaretti è importante che la “ripartenza avvenga proprio dalle bambine e dai bambini, dalle ragazze e dai ragazzi”.

Coronavirus, al via attività all’aperto e centri estivi per bimbi. Le regole: mascherine, distanziamento, misurazione febbre

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia