Zaia: scandaloso negare soldi a paritarie, grazie a esse Stato risparmia 200mln l’anno

Negare soldi alle scuole paritarie “è scandaloso”. Soprattutto in Veneto dove se non ci fossero le materne paritarie 80.000 bambini di 50-60.000 famiglie non avrebbero una scuola. Lo dice il governatore del Veneto Luca Zaia.

“Senza dimenticare che, sempre in Veneto, grazie alle paritarie lo Stato risparmia 200 milioni all’anno in aule, manutenzioni, utente e personale potendo contare appunto su un servizio offerto dai privati. In Veneto è inadempiente il Governo che non garantisce servizi ai cittadini”, e quindi “invito il Governo a stanziare subito risorse” alle paritarie. Sarebbe appunto “scandaloso se non succedesse”.

“Posso anche capire che ci sia una posizione ideologica”, aggiunge, e cioè l’idea che se ci sono dei soldi questi vadano dati alla scuola pubblica. Cosi’ come lo si potrebbe dire per la sanità”. Ma il ragionamento per Zaia non regge più se si considera che, “se facessimo off”, si cancellerebbero 1.112 scuole che in regione accolgono 80.000 bambini delle materne che non trovano posto nella scuola pubblica perché “lo Stato storicamente non garantisce” questa offerta al Veneto. Eppure, annota Zaia, “il Veneto dà un contributo di 200 milioni all’anno a Roma” con le scuole paritarie senza le quali “80.000 bambini non saprebbero dove andare”.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia