Zaia: “Nessuno tifa per non riaprire le scuole”

Stampa

“È previsto un incontro con il ministro Azzolina. Nessuno di noi tifa per non aprire la scuola perché la scuola è dogmaticamente in presenza. Non è solo una questione di  fisicità, ma di un rapporto con l’educatore, e un momento di  socializzazione, una fase importante della vita”.

Lo ha affermato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia durante una conferenza stampa online.

“Ci sono poi aspetti importanti da considerare come la quantità, ossia a che livelli far attivare la scuola. Siamo in una congiuntura particolare e sarà necessario valutare la curva epidemiologica di gennaio. Tra poco inizia la riunione con il Governo dove porteremo la nostra posizione che è quella di condivisione di apertura che non deve prescindere dalla situazione sanitaria – ha evidenziato Zaia -. Ad oggi il tavolo sul quale stiamo lavorando è quello di riaprire il 7 gennaio con il 75% in presenza”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur