Zaia: auguri agli insegnanti, che dovranno guidare un percorso lungo un anno, di crescita e di nuove scoperte

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Auguri a studenti e insegnanti per l’avvio del nuovo anno scolastico 2019/20 da parte del Governatore del Veneto Luca Zaia. 

Il messaggio di Zaia

“Auguri a tutti gli studenti, che oggi iniziano la loro ‘avventura di conoscenza’. E auguri a tutti gli insegnanti, che dovranno guidare un percorso lungo un anno, di crescita e di nuove scoperte.
Anche se con i soliti problemi di sempre, oggi lo squillo della prima campanella nelle scuole del Veneto è un momento solenne, che ricorda a tutti, dentro e fuori gli edifici scolastici, il grande servizio che la scuola rende ai più giovani e alle famiglie, la fatica e la gioia di conoscere e di imparare, e l’importanza di farlo insieme, in una comunità che ci auguriamo consapevole dell’importanza di investire sulle nuove generazioni.
Da parte mia, un grazie sincero a quanti lavorano con coraggio e dedizione perché la scuola non sia mai un luogo di passaggio, ma una esperienza avvincente da vivere con la mente e con il cuore.”

Numerose, secondo il Governatore le criticità di inizio anno scolastico in Veneto. A partire dalla situazione dei diplomati magistraleuna tragedia

In generale – afferma Zaia – la scuola primaria veneta è penalizzata da tre fattori:

  1. l’esclusione delle maestre diplomate magistrali dalle graduatorie ad esaurimento, che in Veneto relega 848 insegnanti prive di laurea alle sole supplenze;
  2. il venir meno di 888 insegnanti che, a settembre,sono andati in pensione o hanno ottenuto il trasferimento in altra regione;
  3. il numero insufficiente di posti assegnati al Veneto (300 tra Padova e Verona) per i corsi di laurea in Scienze della formazione primaria rispetto al fabbisogno formativo.
Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione