Whistleblowing, legge per tutelare il dipendente che denuncia illeciti nella pubblica amministrazione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Via libera della Camera dei Deputati alla legge sul Whistleblowing con  357 voti favorevoli, 46  contrari e 15 astenuti.

La legge è stata varata per tutelare coloro i quali segnalano condotte illecite, di cui sono venuti a conoscenza, nell’amministrazione pubblica o in aziende private.

In base alla legge, infatti, coloro i quali segnalano all’ANAC o all’autorità giudiziaria, illeciti o irregolarità sul luogo di lavoro:

  • sono tutelati riguardo alla loro identità;
  • sono tutelati di fronte a possibili ritorsioni;
  • non possono essere licenziati;
  • non possono essere sanzionati;
  • non possono essere demansionati;
  • non possono essere trasferiti.

Per il presidente dell’ANAC Cantone, come riferito da leggo.it:

La legge sul Whistleblowing è una norma di civiltà, perché chi segnala illeciti di cui è venuto a conoscenza sul luogo di lavoro non può essere lasciato solo

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione