Webinar gratuito De Agostini scuola: inclusione, cosa cambia

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il 28 agosto 2019 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo n. 96 che contiene “Disposizioni integrative e correttive” al decreto legislativo n. 66/17, come reso possibile, entro due anni dalla sua emanazione, dalla Legge 107/15.

Il nuovo decreto non ha cambiato l’approccio all’inclusione e richiede un cambiamento di paradigma soprattutto per quanto riguarda l’utilizzo dei criteri ICF per la definizione di un profilo di funzionamento alla base stesura del PEI.

Se non cambia il quadro di riferimento definito nei primi articoli del decreto 66/17 ovvero il principio di inclusione che riguarda tutti e si persegue intervenendo soprattutto sul contesto e sulle potenzialità di ognuno, si interviene sui passaggi che portano alla certificazione. Per chiedere l’accertamento all’INPS è necessario un certificato medico diagnostico-funzionale a cura dell’ASL, contestualmente la famiglia può richiedere anche l’accertamento della condizione di disabilità ai fini dell’inclusione scolastica, passaggio propedeutico alla redazione del Profilo di funzionamento elaborato sulla base dell’approccio previsto da modello bio-psico-sociale della Classificazione internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute (ICF). Profilo di funzionamento che, come nel decreto 66/17, è elaborato dall’Unità Multidisciplinare ai fini della definizione del PEI e del Progetto individuale.

Altri interventi sono nell’articolo che tratta del Piano d’Inclusione: aggiunge le ore di utilizzo delle misure di sostegno sulla base dei singoli PEI, considerando il principio di accomodamento ragionevole.

Sicuramente gli interventi più sostanziali, ma forse anche più contraddittori, sono quelli relativi al PEI (articolo 7 del decreto 66/17 modificato dall’articolo 6 del decreto 96/19), con la previsione delle ore di sostegno. Se il riferimento è davvero l’ICF è evidente che non possono essere le ore di sostegno “didattico” (l’aggettivo è fondamentale) la sola risorsa da considerare per un Piano di inclusione che metta a frutto tutte le altre risorse presenti nella scuola.

Su molte delle questioni devono essere emanati in tempi diversi decreti attuativi da parte del Ministero.

Per cominciare a ragionare insieme su i cambiamenti in atto in tema di inclusione scolastica, DeAgostini Scuola ha organizzato un webinar gratuito dal titolo “Inclusione: cosa cambia?”, previsto per oggi 19/11 alle h 15 con la prof.ssa Loredana Leoni, dirigente scolastico, esperta di tematiche sull’inclusione; da dirigente tecnico al Miur, ha partecipato direttamente all’elaborazione della più recente normativa scolastica. A seguire è previsto un percorso di approfondimento sul tema del “PEI su base ICF”

Clicca qui per iscriverti subito al webinar gratuito: http://bit.ly/webinar_inclusione

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione