Voto in condotta, abolirlo o no? “Più spazio per apprendimento e meno stress”, ma anche “comportamenti indesiderati e mancanza di responsabilità”

WhatsApp
Telegram

L’abolizione del voto in condotta a scuola è un argomento dibattuto, con vantaggi e svantaggi da considerare.  La valutazione della condotta si riferisce a tutto il periodo di permanenza nella sede scolastica e comprende gli interventi di carattere educativo posti in essere al di fuori di essa (visite guidate, viaggi di istruzione, manifestazioni sportive ecc.).

Tiene conto dell’insieme dei comportamenti messi in essere dallo studente durante l’anno. Non può quindi riferirsi ad un singolo episodio ma deve scaturire da un giudizio complessivo di maturazione e di crescita civile e culturale dello studente. Vanno tenuti in debito conto i progressi e i miglioramenti realizzati dallo studente nel corso dell’anno.

Pro

  1. Focus sull’apprendimento: Senza l’importanza del voto in condotta, gli studenti potrebbero concentrarsi maggiormente sul loro apprendimento accademico. Potrebbero dedicare più tempo e sforzi allo studio e all’acquisizione di conoscenze, anziché preoccuparsi solo di comportarsi in modo appropriato per ottenere un buon voto in condotta.
  2. Equità e obiettività: L’abolizione del voto in condotta potrebbe favorire un ambiente scolastico più equo e obiettivo. Alcuni ritengono che il voto in condotta possa essere influenzato da pregiudizi soggettivi o opinioni personali degli insegnanti, e che potrebbe non riflettere in modo accurato le abilità o il carattere degli studenti.
  3. Riduzione dello stress: Eliminare la pressione del voto in condotta potrebbe ridurre lo stress emotivo per gli studenti. Alcuni studenti potrebbero sentirsi ansiosi o sopraffatti dalla necessità di mantenere un comportamento impeccabile per ottenere un buon voto. L’abolizione del voto in condotta potrebbe alleggerire questa pressione.

Contro

  1. Promozione di comportamenti indesiderati: Senza un sistema di valutazione del comportamento, alcuni studenti potrebbero sentirsi incoraggiati a comportarsi in modo inappropriato o disturbare l’ambiente di apprendimento. Potrebbe essere difficile per gli insegnanti mantenere l’ordine in classe senza la leva del voto in condotta per incentivare il comportamento appropriato.
  2. Mancanza di responsabilità: Il voto in condotta può fungere da incentivo per gli studenti a sviluppare abilità sociali, come il rispetto per gli altri e l’autocontrollo. L’abolizione del voto in condotta potrebbe portare a una mancanza di responsabilità personale e sociale, poiché gli studenti potrebbero non essere tenuti a rendere conto del loro comportamento nei confronti degli altri.
  3. Preparazione per la vita reale: Alcuni sostengono che il voto in condotta giochi un ruolo importante nell’insegnare agli studenti l’importanza del rispetto delle regole e delle norme sociali, preparandoli per la vita reale e il mondo del lavoro. Senza questa valutazione del comportamento, potrebbe essere difficile per gli studenti sviluppare le competenze sociali necessarie per interagire in modo appropriato nella società.

Questi sono solo alcuni dei pro e dei contro associati all’abolizione del voto in condotta a scuola. È importante considerare le dinamiche specifiche dell’istituto scolastico e valutare attentamente gli effetti potenziali prima di prendere una decisione in merito.

WhatsApp
Telegram

AggiornamentoGraduatorie.it: GPS I e II fascia, calcola il tuo punteggio