Voleva filmare la prof per TikTok, 14enne scatena il caos e aggredisce la preside: “Mi ha stretto le mani al collo, ho temuto per la mia vita”

WhatsApp
Telegram

Un episodio di violenza sconvolgente ha scosso una scuola media di Torino, dove la preside è stata aggredita da uno studente di terza media. La dirigente scolastica, finita al pronto soccorso con una prognosi di una settimana, ha raccontato momenti di terrore, temendo per la propria vita.

L’aggressione sarebbe scaturita dal rimprovero di un’insegnante nei confronti del ragazzo, che la stava filmando con il cellulare per pubblicarla su TikTok. Il 14enne, già noto per comportamenti problematici, avrebbe reagito con violenza, distruggendo oggetti in classe e scagliandosi contro la preside, urlandole contro e stringendole le mani al collo.

La dirigente ha descritto l’aggressore come un “ragazzone grande e grosso” con “occhi vitrei”, sottolineando la paura provata durante l’attacco. Solo l’intervento di una collaboratrice scolastica ha permesso di interrompere la violenza e mettere in salvo la preside. A La Stampa racconta: “Stavolta ho avuto davvero paura”.

Il ragazzo, già sospeso in passato per aggressioni ad altri insegnanti e persino a un agente di polizia locale, sembra non aver mai manifestato comportamenti aggressivi verso i compagni. La scuola, pur avendo attivato diverse misure di supporto e coinvolto i servizi sociali, si trova in difficoltà nel gestire la situazione, anche a causa della paura di alcuni docenti di subire a loro volta aggressioni.

L’episodio solleva interrogativi sulla sicurezza nelle scuole e sulla necessità di un maggiore supporto psicologico per studenti con problematiche comportamentali. La preside, pur provando “infinita pena” per il ragazzo, sottolinea come la scuola non possa sostituirsi a specialisti in grado di offrire un adeguato supporto psicologico.

WhatsApp
Telegram

“Percorsi abilitanti 30 CFU ai sensi dell’art. 13 del DPCM 04/08/2023”.  Hai tempo solo fino al 27 giugno 2024. Contatta Eurosofia