Visite fiscali. L’algoritmo Savio individuerà i “malati” seriali, invariati gli orari di reperibilità

di Giulia Boffa
ipsef

item-thumbnail

Per le visite fiscali l’INPS si avvarrà della collaborazione di un cervellone, un algoritmo chiamato Savio che dovrà servire ad individuare gli assenteisti seriali, quelli cioè che fanno assenze strategiche a ridosso dei weekend o delle festività.

Da venerdì 1 settembre parte quindi la nuova procedura per le visite fiscali degli statali, che potranno essere ripetute per una stessa malattia, a random cioè a campione e anche d’ufficio, senza che occorra la richiesta del datore di lavoro.

Nessuna novità invece per gli orari di reperibilità; al momento restano gli stessi, differenziati per pubblico e privato: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18 il pomeriggio per gli statali e dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19 per i privati.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare