Visite fiscali, per infortuni sul lavoro sono previste? Risposta Ufficio Legislativo Ministero PA

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il decreto n. 206/2017, che regola le visite fiscali per i dipendenti pubblici, ha apportato delle modifiche per la platea degli esclusi dal rispetto delle fasce orarie di reperibilità. 

ESCLUSI DALLA VISITA FISCALE

Rispetto alla previgente normativa, non sono esclusi dalle fasce di reperibilità  i dipendenti in malattia per infortunio sul lavoro.

Approfondisci: Visite fiscali ripetute e restrizioni su chi è escluso da obbligo di reperibilità. Orari invariati e visite anche di domenica

La spiegazione alla succitata novità è data da una risposta dell’Ufficio Legislativo del Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, fornita ad un quesito posto dalla Fondazione Policlinico “San Matteo”.

COMPETENZE INPS

Il succitato Ufficio Legislativo evidenzia che il decreto del 17 ottobre 2017, n. 206 disciplina le modalità per lo svolgimento delle visite fiscali e per l’accertamento delle assenze per malattia, ai  sensi dell’articolo 55-septies del D.lgs. n. 165/01, o gli accertamenti medico-legali di competenza esclusiva dell’Inps.

COMPETENZE INAIL

Quanto agli infortuni sul lavoro, prosegue l’Ufficio Legislativo, l’articolo  12 della legge n. 67/88, attribuisce all’Inail la competenza relativa “agli accertamenti, alle certificazioni e ad ogni altra prestazione medico-legale sui lavoratori infortunati”.

Pertanto, si conclude nella risposta, l’assenza per infortunio sul lavoro è stata eliminata come causa di esclusione dalla visita fiscale, in quanto la competenza non è dell’Inps ma dell’Inail.

NORMATIVA RIFERIMENTO PER INFORTUNI SUL LAVORO

Nei casi di infortunio sul lavoro, in conclusione, gli accertamenti medico-legali rimangono di competenza dell’Inail, secondo quanto disposto dalla normativa previgente al decreto n. 206/2017.

Risposta Ufficio Legislativo

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione