Violenza verbale nei confronti di alunni, maestra agli arresti domiciliari

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Una maestra è agli arresti domiciliari per le continue espressioni gratuitamente denigratorie nei confronti dei piccoli a lei affidati in una scuola primaria del lametino.

Frasi come “smettila di urlare che ti faccio il muso a sangue”, “Porco … maiale … sono stanca, dovete stare divisi, ognuno nel suo recinto …” sono state registrate nei filmati registrati dalla videosorveglianza.

Per gli investigatori, sebbene non ci sia stata violenza fisica, le espressioni sono andate oltre quanto consentito dal percorso educativo e dall’uso dei metodi di correzione delle condotte dei piccoli allievi.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione