Violenza contro gli insegnanti, prevedere congedo retribuito. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

1) Prevedere per gli insegnanti, vittime di violenza da parte degli alunni e delle loro famiglie, un particolare congedo retribuito e una precedenza assoluta in caso di mobilità dalla scuola dove si è subita la violenza che potrebbe essere reiterata.

2) Obbligo per i dirigenti scolastici e per i docenti di denuncia all”autorità giudiziaria, prevedendo sanzioni disciplinari per i DS fino alla sospensione per 6 mesi senza retribuzione in caso di mancata denuncia.

3) Prevenzione, con periodiche conferenze di servizio da parte delle forze dell’ordine e di giudici del tribunale dei minori.

4) Prevedere la certezza della sanzione e un codice nazionale delle sanzioni per gli studenti delle scuole di ogni ordine e gado al quale le scuole autonome obbligatoriamente si dovranno attenere..

5) Applicazione della sospensione per i casi gravi fino ad un massimo di un anno e della ripetenza con iscrizione in altra istituzione scolastica .

6) Istituzione dei ” debiti di demerito” che accompagneranno l’alunno per tutta la sua carriera scolastica esaranno segnati sui documenti scolatici.

Versione stampabile
anief
soloformazione