Violenza a scuola, genitore picchia collaboratore scolastico per un parcheggio, poi spinge impiegata giù per le scale

WhatsApp
Telegram

Ancora un episodio di violenza a scuola. Come segnala Il Mattino, un genitore ha assalito un collaboratore scolastico in seguito a un banale diverbio per un posto auto.

Il litigio è iniziato quando il giovane ha occupato un posto auto destinato al personale scolastico. La situazione ha preso una piega drammatica quando, dopo aver fisicamente aggredito il bidello, il genitore ha notato che quest’ultimo gli aveva scattato una foto. La reazione è stata immediata e spropositata: ha strappato il cellulare dalle mani del collaboratore e lo ha gettato nelle campagne limitrofe.

L’aggressione non si è fermata qui. Una impiegata dell’istituto scolastico, intervenuta in difesa del collega, è stata spinta violentemente dal giovane, causando la sua caduta dalle scale. La gravità dell’evento è accentuata dal fatto che l’uomo si è falsamente qualificato come carabiniere prima di allontanarsi indisturbato dal luogo dell’aggressione.

I soccorsi hanno trasportato le vittime in ospedale, dove sono state curate per ferite giudicate guaribili in 12 e 6 giorni. La comunità scolastica è sotto shock: non solo per la violenza dell’aggressione ma anche per il contesto in cui si è verificata, ovvero in un ambiente che dovrebbe essere sicuro e protettivo per i più piccoli.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri