Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Vincolo triennale dopo passaggio di ruolo: in quali casi si applica

Stampa

Il vincolo triennale si applica anche in seguito al passaggio di ruolo con specifiche preferenze, vediamo quali

Un lettore ci scrive:

Nel mese di giugno 2021 sono entrato in ruolo nelle superiori attraverso un passaggio di ruolo ( ero già di ruolo nelle scuole medie). Quanti anni devo rimanere nell’ attuale scuola prima di chiedere il trasferimento in un’altra scuola superiore . Grazie

Il vincolo triennale in seguito alla mobilità volontaria, così come stabilito nell’art.2 comma 2 del CCNI, si applica per tutte le tipologie di movimento, sia territoriale che professionale.

Saranno, quindi, interessati dal vincolo di permanenza triennale nella scuola ottenuta con il movimento volontario, i docenti che ottengono il trasferimento, anche su diversa tipologia di posto, il passaggio di cattedra e il passaggio di ruolo

Quando si applica il vincolo triennale

Il vincolo triennale si applica nel caso in cui il docente soddisfatto nel movimento ottiene una scuola richiesta con preferenza analitica o con preferenza sintetica nel comune di titolarità

Saranno quindi interessati dal vincolo triennale  i docenti che ottengono:

1- trasferimento (su stessa o su altra tipologia di posto) su una scuola richiesta analiticamente, in qualsiasi posizione risulti inserita nelle preferenze

2- trasferimento su altra tipologia di posto in una scuola richiesta con preferenza sintetica nel comune di titolarità

3- passaggio di cattedra su una scuola richiesta analiticamente

4- passaggio di cattedra su una scuola richiesta con preferenza sintetica nel comune di titolarità

5- passaggio di ruolo su una scuola richiesta analiticamente

6- passaggio di ruolo su una scuola richiesta con preferenza sintetica nel comune di titolarità

Quando non si applica il vincolo triennale

Non tutti i docenti soddisfatti nel movimento volontario sono interessati dal vincolo triennale, in quanto questo dipende  dalla tipologia di preferenza sulla quale hanno ottenuto il movimento richiesto.

Non saranno interessati dal vincolo triennale  i docenti che ottengono:

1- trasferimento (su stessa o su altra tipologia di posto) su una scuola richiesta con preferenza sintetica in un comune diverso da quello di titolarità

2- trasferimento su altra tipologia di posto in una scuola richiesta con preferenza sintetica nella provincia di titolarità o in altra provincia

3- passaggio di cattedra in una scuola richiesta con preferenza sintetica in un  comune diverso da quello di titolarità

4- passaggio di cattedra in una scuola richiesta con preferenza sintetica nella provincia di titolarità o in altra provincia

5- passaggio di ruolo in una scuola richiesta con preferenza sintetica in un  comune diverso da quello di titolarità

6- passaggio di ruolo in una scuola richiesta con preferenza sintetica nella provincia di titolarità o in altra provincia

Conclusioni

Il nostro lettore, quindi, avendo ottenuto il passaggio di ruolo risulta nel vincolo triennale soltanto se rientra nei casi previsti nei punti  5 oppure 6 che prevedono il blocco temporale di tre anni nella scuola di titolarità ottenuta con il passaggio.

In questa situazione il docente non potrà partecipare alla mobilità per un triennio a decorrere dall’anno scolastico 2021/22, per il quale ha ottenuto il passaggio di ruolo.

Se invece non rientra nei casi indicati, ma nei punti 5 oppure 6 per i quali non è previsto il vincolo triennale, potrà partecipare alla mobilità anche per il prossimo anno scolastico e se non ha ancora superato l’anno di prova potrà chiedere soltanto trasferimento

 

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur