Videosorveglianza: Calabria (FI), battaglia civiltà a tutela più deboli

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Chi si definisce liberale deve avere come obiettivo la tutela della dignità e della libertà della persona.

Non è dunque un caso se la prima proposta di legge che abbiamo voluto presentare all’inizio di questa legislatura è stata proprio quella sulla videosorveglianza”.

Così la deputata di Forza Italia Annagrazia Calabria intervenendo in dichiarazione di voto sulla legge che introduce sistemi di videosorveglianza negli asili nido e nelle strutture socio assistenziali per anziani e disabili.

“Il testo di cui ho l’onore di essere prima firmataria è un ottimo punto di equilibrio e sancisce lo strumento della prevenzione come leva di protezione. Lo fa attraverso un monitoraggio degli ambienti di formazione e di assistenza con sistemi di videosorveglianza che saranno anche un deterrente decisivo ai comportamenti scorretti. Vogliamo salvaguardare la sicurezza dei più deboli, che per noi è l’interesse preminente, assicurare la serenità delle famiglie e tutelare il prezioso lavoro svolto con abnegazione dalla stragrande maggioranza degli insegnanti e del personale sanitario. Nessuno spierà dalla serratura, si tratta piuttosto di uno strumento in più per le Forze dell’Ordine. Per Forza Italia si tratta di una battaglia di civiltà e di una assunzione di responsabilità, nella certezza che la libertà e la centralità della persona siano i fondamenti di una democrazia realmente compiuta”, ha concluso.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione