Vicenza, lezioni in oratori, musei, centri estivi: così si mantiene il distanziamento

Stampa

Gli istituti superiori della Provincia di Vicenza si allargano a oratori, musei, centri servizi messi a disposizione dai Comuni e dalle Parrocchie, per garantire il distanziamento in base alle norme Covid-19.

Secondo quanto si apprende da Ansa sono 13 gli istituti che avevano fatto richiesta, per un totale di 43 nuove aule e una spesa che tra affitti e utenze ammonta a circa 260mila euro, a carico della Provincia che accederà all’apposito fondo del Miur per il rimborso.

Tra le varie misure decise, a Bassano del Grappa l’Istituto Vescovile Graziani aiuta il liceo Brocchi con 5 aule e un locale, mentre la Parrocchia di Santa Croce presta all’istituto tecnico Einaudi 5 aule e due locali. Con il Comune di Valdagno è in via di stesura un contratto per l’affitto uno spazio nella sede del “Mumat” (Museo delle Macchine Tessili), per l’istituto Marzotto-Luzzatti. Altri accordi con le parrocchie riguardano Noventa Vicentina e Breganze.

C’è poi l’istituto Galilei di Arzignano che, per i danni causati dal maltempo degli ultimi giorni, potrebbe garantire la presenza di solo 16 classi su 41. Su questo è stata attivata la Protezione Civile.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur