Vicenda prostituzione minorile: i media devono fornire solo informazioni essenziali, non troppi dettagli

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Garante della privacy – Il Garante per la protezione dei dati personali, di fronte al crescente diffondersi in Rete e nei media di notizie inerenti le attività di prostituzione nelle quali sono state coinvolte alcune minorenni – pur non identificate – richiama al più rigoroso rispetto della riservatezza delle giovani.

Garante della privacy – Il Garante per la protezione dei dati personali, di fronte al crescente diffondersi in Rete e nei media di notizie inerenti le attività di prostituzione nelle quali sono state coinvolte alcune minorenni – pur non identificate – richiama al più rigoroso rispetto della riservatezza delle giovani.

L’Autorità raccomanda inoltre di astenersi dal pubblicare dettagli eccessivi della vicenda e stralci di atti processuali la cui diffusione possa pregiudicare la dignità e il corretto sviluppo della personalità della ragazze.

Il Garante invita gli organi di informazione, nell’esercitare il legittimo diritto di cronaca riguardo a un fatto di sicuro interesse  pubblico, al rispetto delle garanzie poste a tutela dei minori dal Codice deontologico dei giornalisti e dalla Carta di Treviso.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur