Via libera alla dispersione. Se non mandi figlio a scuola non c’è condanna penale

WhatsApp
Telegram

La sentenza che farà discutere è stata emanata dalla Corte di Cassazione, dopo che i diretti interessati hanno impegnato una sentenza del Giudice di Pace che aveva condannato dei genitori inadempienti.

La sentenza che farà discutere è stata emanata dalla Corte di Cassazione, dopo che i diretti interessati hanno impegnato una sentenza del Giudice di Pace che aveva condannato dei genitori inadempienti.

La sentenza affronta il caso di uno studente ancora in obbligo scolastico, ma che veva già concluso il ciclo della primaria e della secondaria di I grado. La sentenza è la n. 2607 del 30 settembre 2014.

I giudici hanno rilevato come non ci sia, nel caso della secondaria di II grado, alcuna sanzione penale per chi viola l'obbligo scolastico. Parliamo della Legge 53 del 2033.

A differenza, invece, dell'obbligo per la scuola primaria e secondaria di I grado che rinetra nell'articolo 731 del codice penale.

Una sentenza che certo non aiuterà la lotta alla dispersione che per quanto riguarda la scuola superiore mostra numeri da capogiro, con 2 milioni e 900 ila dispersi, proprio alle superiori in 15 anni. Con picchi considerevoli soprattutto al Sud. Dispersione scolastica, sono 2 milioni e 900 mila i dispersi alle superiori in 15 anni. 41,7% dispersi a Caltanissetta

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur