Via libera per 250 mila statali, il Governo vuole fare presto il bis con la Scuola. Anief: i sindacati non cadano nella trappola

Stampa

Anief – “I sindacati della scuola non cadano nella trappola del Governo che sta stipulando il rinnovo contratto degli statali sulla base di aumenti irrisori e che non coprono nemmeno l’inflazione degli ultimi anni”.

Lo chiede Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, alla luce dell’accordo raggiunto nella notte all’Aran per il comparto degli statali. Il rinnovo contrattuale, che riguarda circa 247 mila persone, prevede circa 85 euro lordi a regime sullo stipendio base con punte di 117 euro e incrementi più ridotti, attorno ai 63 euro al mese, più la somministrazione di arretrati poco più che simbolici per il biennio 2016/2017.

Questo primo contratto, che giunge a ridosso dell’approvazione della Legge di Stabilità, coinvolge circa 250 mila dipendenti, gli statali in senso stretto, ovvero i dipendenti di ministeri, agenzie fiscali ed enti pubblici non economici. Ma la sua sottoscrizione, almeno nelle intenzioni del Governo, dovrebbe essere man mano estesa a tutto il pubblico impiego, fatto di oltre tre milioni di lavoratori. Si tratta infatti di un contratto “apripista” che dovrebbe dettare la linea anche per gli altri comparti: enti locali, sanità e scuola.

Solo che per la scuola i problemi sono enormi. Le parti, sindacati e Aran, si incontreranno il prossimo 4 gennaio: in quella sede rimane impossibile riuscire a centrare le richieste dei rappresentanti dei lavoratori. A differenza degli altri comparti, innanzitutto, gli 85 euro medi a lavoratore della scuola non sono infatti garantiti, così come appare difficile che si possa superare per contratto la Legge 107/2015 che stabilisce la somministrazione dei bonus annuali del merito e dell’aggiornamento professionale; forti dubbi permangono, infine, sulla riconduzione nel contratto delle diverse materie sottratte dalle ultime riforme della Pubblica amministrazione.

Ma il nodo più difficile da sciogliere rimane quello degli aumenti: “Continuiamo a chiedere il recupero dell’inflazione e aumenti equi. Dai nostri calcoli, si tratta di almeno 270 euro, da suddividere in due parti uguali: la prima è relativa alla mancata assegnazione dell’indennità di vacanza contrattuale, mentre gli altri 135 euro di effettivo incremento stipendiale. Inoltre, la parte pubblica deve corrispondere 2.654 euro di arretrati, comprensivi delle quattro mensilità di fine 2015 indicate dalla Corte Costituzionale, e non certo poche centinaia di euro. Ecco perché siamo contrari alla firma nella Scuola: a queste condizioni, tra i 70 e i 75 euro medi lordi a docente e Ata, non ci siamo: serve il triplo”.

Anief, pertanto, diffida gli altri sindacati dalla firma e invita a inviare diffida all’amministrazione e alla Ragioneria dello Stato per sbloccare l’Indennità di vacanza contrattuale. È possibile difendere il proprio diritto a percepire uno stipendio adeguato almeno al 50% dell’aumento dei prezzi da settembre 2015, come prevede la legge e ha confermato la Corte Costituzionale, quindi recuperando in toto l’indennità di vacanza contrattuale: gli interessati possono inviare da subito il modello di diffida predisposto dal giovane sindacato.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur