Maturità 2022, momento di passaggio fondamentale o prova ormai superata? [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

Mancano meno di due mesi alla maturità 2022. Un esame che quest’anno segna un ritorno alla normalità.

“Abbiamo lavorato ai testi tenendo fermo un punto: siamo nelle condizioni di tornare progressivamente alla normalità. Non siamo ancora fuori dalla pandemia, dobbiamo ricordarcelo, ma quest’anno, grazie ai vaccini e alle misure di sicurezza decise dal governo, abbiamo garantito la continuità della scuola in presenza, fin dal primo giorno” ha dichiarato il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.

Tra le novità, dopo due anni di stop, il ritorno della prova scritta. L’esame avrà inizio il 22 giugno con la prima prova di Italiano predisposta su base nazionale, il 23 giugno la seconda prova, differenziata per indirizzo di studio, sarà predisposta dai singoli istituti. A seguire il colloquio.

Al di là delle modalità e del ritorno graduale alla normalità studenti, docenti, dirigenti ed esperti hanno dibattuto molto in questi mesi sul senso dell’esame di Stato: momento di passaggio fondamentale che non può essere eliminato o prova vecchia non più al passo con i tempi? In estrema sintesi il dibattito si è polarizzato su questi due estremi.

Appuntamento su FacebookYouTube e sul nostro sito (www.orizzontescuola.it).

In collegamento Luca Serianni, linguista e filologo; Alessandra Marcaccio, docente e Tommaso Biancuzzi, Rete studenti medi.

Conduce Marta Nicoletti.

ISCRIVITI al canale You Tube di Orizzonte Scuola

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur