Pochi versi strampalati per dire che il maestro c’è chi lo fa ancora con il cuore…

Stampa

Ho capito che scrive é un po’ psicoanalitico, me fa un po’ meno rigido ed assai meno antipatico…

me lascia esternà ció che sento…
forse pure quanno nun so contento…
e quanno decide de scrive con gli alunni,
tutto diviene un portento!

Me fa sperà che domani possa esse un giorno migliore,
me fa guardà non con gli occhi,
ma cor core…
me fa scappà na risata agli amici,
me fa apprezzà gli occhi dei bambini
sempre felici…

poi na risata ma faccio pure io,
che vorrei arzarmi come quelli der Mulino Bianco,
sveglio, sorridente, pettinato e mai stanco…
ma invece me sveglio sempre più sconvolto, che perfino lo specchio me guarda storto…

ma poi anche se nun glia faccio, me vesto, me stampo in faccia un sorriso
e me ne vado a scuola…
ecco na vera gioia i miei alunni che mi acclamano con una ola…
me sento come allo stadio a tirà un calcio de rigore…

ed, invece, no so in classe da buon lavoratore…
ma a fa il lavoro più bello del mondo quello dell’insegnante che di gioie me ne da tante…
basta un sorriso della classe,
che te fa superà ogni impasse…
e te rende ogni giorno unico e speciale,
da fatte dimenticà ogni male!

FRANCESCO DI PACE, MAESTRO DI SCUOLA PRIMARIA

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur