Vermi nella pasta degli alunni servita a mensa scolastica: la protesta dei genitori

WhatsApp
Telegram

In un istituto comprensivo del Salento sono stati trovati vermetti dentro il piatto di pasta servita agli alunni a mensa. E la protesta dei genitori si fa subito sentire.

Non si dica che può succedere – riferiscono alcune mamme, come si legge su La Repubblica – perché non può e non deve accadere: stiamo parlando del cibo servito ai nostri bambini. Un dato di fatto certo e incontestabile: la pasta ai bambini non era commestibile. Senza se e senza ma, bisogna capire quante altre volte il cibo era in uno stato alterato. La salute dei nostri bambini non può essere barattata con una fetta di prosciutto e delle patate”.

I genito proseguono: “Chiediamo al sindaco di provvedere alla sospensione di questa mensa di Galatone, e provveda subito a riaprire nuovamente le cucine nelle nostre scuole, e servire ai nostri bambini cibo sano e garantito. Inoltre l’amato sindaco fa un incontro informativo con i cittadini per parlare di questo disagio. L’amministrazione comunale, la quale è responsabile in prima persona della scelta del servizio mensa, provveda subito alle dovute precauzioni. Perché non denuncia il fatto al Nas? Perché non chiude il contratto con la mensa di Galatone? Attendiamo. L’amministrazione comunale, la quale è responsabile in prima persona della scelta del servizio mensa, provveda subito alle dovute precauzioni”.

Arriva pronta la replica del sindaco: “Viste le richieste di informazioni provenienti da genitori di alcuni iscritti al servizio di refezione scolastica ad alcune criticità emerse nei giorni scorsi durante l’erogazione del servizio, si ravvisa la necessità di fissare un incontro aperto a tutti gli interessati al fine di informare sulle problematiche riscontrate e sulle iniziative intraprese dall’Amministrazione comunale”.

Il sindaco ha già comunque evidenziato che sono stati notati 2/3 insetti nel pasto prima che il piatto arrivasse sul tavolo dei bambini ed è stato chiesto subito all’Asl di fare le opportune verifiche.

Sono stati fatti tutti gli accertamenti – spiega il sindaco – ma non è stata riscontrata alcuna irregolarità da parte della ditta incaricata. Si è cercato di capire se dipendesse dal lotto dei ceci, ma non c’è stato alcun riscontro. Il pasto in questione è stato gettato subito: questo non bisogna mai farlo, perché sarebbe stato molto utile per capire se gli insetti siano venuti da fuori. È stato un errore gettare il piatto. Il Comune sta valutando l’eventuale diffida per l’azienda che si occupa della mensa. Intanto abbiamo aumentato i controlli e terremo la guardia alta nell’interesse di tutte le famiglie”.

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA