Scuole che non verificano punteggi docenti e ATA violano obbligo di servizio. Chiarimenti

Nota numero 3771 del 21 febbraio 2020 dell’Ufficio scolastico regionale per la Campania sulla verifica dei titoli di studio e di servizio di docenti e ATA in scuole paritarie.

La normativa vigente prevede che l’aspirante a supplenza docente e ATA rilasci dichiarazioni rese sotto la propria responsabilità, ai sensi del DPR 445/2000.

Le dichiarazioni relative ai titoli di studio posseduti, nonché ai servizi prestati, sono oggetto di valutazione da parte della scuola capofila che provvede all’attribuzione del punteggio al candidato.

Come effettuare i controlli

La nota dell’Usr Campania ricorda che, a norma dell’art. 8 del D.M. 374 dell’1/6/2017, in occasione della stipula del primo rapporto di lavoro, sono effettuati i relativi controlli delle dichiarazioni presentate, con le modalità previste dagli artt. 71 e 72 del DPR 28/12/2000 n. 445.

I controlli di dichiarazioni sostitutive di certificazioni sono effettuate richiedendo alle amministrazioni certificanti la conferma scritta della corrispondenza di quanto dichiarato con le risultanze dei requisiti da queste custoditi; la richiesta di controllo deve essere riscontrata entro 30 giorni. Il mancato riscontro o il riscontro negativo alle dichiarazioni rese dal candidato determina gravi conseguenze che devono essere segnalate, prontamente, dalle scuole sia all’autorità giudiziaria che alla Direzione Generale.

In caso di riscontro negativo, le istituzioni scolastiche provvederanno ad adottare i provvedimenti amministrativi di propria competenza, nonché all’invio degli atti al competente Ufficio procedimenti disciplinari.

Quali titoli e servizi vanno necessariamente controllati

Nella nota viene perciò richiesto la verifica dei titoli di studio, in particolare i diplomi di specializzazione per l’inserimento su posti di sostegno, e dei servizi resi presso le scuole paritarie.

La mancata verifica, chiarisce la stessa nota, costituisce specifica violazione di un obbligo di servizio.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia