Verducci (PD): “Il governo ascolti le proteste degli studenti ed esca dallo stallo dei continui rinvii”

Stampa

“Le proteste degli studenti, in particolare delle scuole superiori, che chiedono di poter tornare alle lezioni in presenza, sono sacrosante e vanno assolutamente raccolte. I lunghi mesi di didattica a distanza, nonostante gli sforzi per poterla rendere accessibile e proficua, stanno lasciando ripercussioni pesantimsulla formazione e sull’educazione delle nuove generazioni”.

Lo dice il senatore del Pd Francesco Verducci, vicepresidente della Commissione Cultura e Istruzione.

“Soprattutto in un paese come l’Italia nel quale dispersione e abbandono scolastico sono quasi il doppio rispetto alla media europea.Mancano ancora certezze essenziali alla riapertura, e questo è grave einsostenibile. Avremmo già dovuto raggiungere obiettivi minimi come lariduzione del numero degli alunni nelle classi, l’aumento del numero dei docenti, l’estensione del tempo scuola e del tempo di apprendimento, innovazione della didattica per dare risposte ai bisogni degli studenti”.

“Il Governo esca dallo stallo dei continui rinvii senza soluzioni: ascolti gli studenti e tutte le parti sociali. Uscire dal guado in cui è finita la scuola deve essere la priorità assoluta”.

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese