Verbali CTS, il 4 marzo gli esperti erano dubbiosi sulla chiusura totale delle scuole [PDF]

Richiesto di un parere dal ministro della Salute sull’opportunità di “chiudere le scuole di ogni ordine e grado sull’intero territorio nazionale”, il Cts il 4 marzo mette a verbale che “le scelte di chiusura dovrebbero essere proporzionali alla diffusione dell’infezione virale”

“Non esistono attualmente dati che indirizzino inconfutabilmente sull’utilità di chiusura delle scuole indipendentemente dalla situazione epidemiologica locale”.

E ancora: “Alcuni modelli predittivi indicano che la chiusura delle scuole potrebbe garantire una limitata riduzione nella diffusione dell’infezione virale. Vi è consenso tra gli addetti ai lavori che un’eventuale chiusura delle scuole è stimata essere efficace solo se di durata prolungata”.

“Queste considerazioni tecniche – si precisa – sono solo una parte delle valutazioni rispetto alle quali formulare le scelte decisionali sull’argomento”.

Il 5 marzo, il giorno dopo, il verbale riporta che “il Cts ribadisce che il testo elaborato nella giornata di ieri, in riferimento alla sospensione delle attività didattiche, non è in alcun modo in disaccordo con la decisione di sospensione presa dal Consiglio dei ministri”. 

VERBALE CTS DEL 4 MARZO

Preparazione concorsi, TFA e punteggio in graduatoria con CFIScuola!