Verbale su PDP consegnato ai genitori con “Omissis”, per il Tar è lecito. Ecco perché

Stampa

Un genitore proponeva ricorso avverso il silenzio-diniego dell’Amministrazione in relazione all’istanza di accesso finalizzata ad ottenere copia degli atti relativi al procedimento di formazione del Piano Didattico Personalizzato relativo al proprio figlio minore. Si pronuncia con provvedimento del 19/01/2021 Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia, Sezione Staccata di Catania (Sezione Terza), con atto n°172/2021.

In fatto

L’Istituto Comprensivo ha rappresentato che la scuola aveva soddisfatto le richieste di accesso entro i termini con cui era stata trasmessa “copia del verbale richiesto, nonché estratto di copia del verbale con ‘omissis’” (senza allegati, in quanto inesistenti, e con la precisazione che gli contestati “omissis” riguardano temi e persone non attinenti al caso).

Quali documenti del minore può chiedere un genitore?

Per il TAR siciliano sono giustificati gli omissis relativi a vicende che non interessano la ricorrente e che, evidentemente, risultano giustificati da esigenze di “privacy”; specificando che non è possibile richiedere genericamente di accedere a “tutta la documentazione relativa al minore”: nell’istanza di accesso la parte è tenuta a specificare a quali documenti intenda effettivamente accedere (né risulta possibile un’integrazione in tal senso in sede giurisdizionale, come avvenuto nel caso di specie. Affermano i giudici che considerazioni di analogo tenore valgono quanto alla richiesta di accedere a “ogni altro documento ritenuto di interesse”; l’Amministrazione ha affermato che non è possibile accedere ad atti inesistenti, sempre che l’Amministrazione non abbia scientemente affermato il falso, nel qual caso vanno esperire le adeguate iniziative di tutela innanzi alle autorità competenti. Concludono i giudici rilevando che in sede di accesso, l’Amministrazione è tenuta a fornire, se ne sussistono i presupposti, i documenti richiesti e non a rendere spiegazioni in ordine al loro contenuto.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur