Veneto, superiori in DaD fino al 31 gennaio. Anche le paritarie. Chiarimenti

Stampa

La Regione Veneto, scrive al direttore dell’Ufficio scolastico Regionale in merito alla nota in cui si dà disposizione dell’ordinanza regionale che prevede l’adozione della didattica a distanza al 100% per tutte le scuole superiori.

La nota a firma del direttore Santo Romano, vuole specificare che “anche sentita l’Avvocatura regionale, considero senz’altro tuttora efficace e prevalente l’ordinanza stessa, dettata dalle predette esigenze sanitarie specificamente collegate al territorio veneto. Le scuole predette, anche non statali, sono, pertanto, chiamate ad applicare, già dalla ripresa dell’attività scolastica fissata per il 7 gennaio 2021 e fino al 31 gennaio 2021, l’ordinanza regionale n. 2 del 4.1.2021 e non la disciplina dell’art. 4 del decreto legge. Quest’ultima norma, infatti, nel prevedere l’avvio della didattica in presenza a partire dall’11
gennaio al 50% della medesima popolazione scolastica, non dispone espressamente l’inefficacia
delle ordinanze regionali riguardanti la materia adottate prima o dopo il decreto legge medesimo“.

Quindi, si va a specificare che è valida l’ordinanza regionale e non il decreto legge. E la misura è valida anche per le scuole non statali.

Veneto, superiori in didattica a distanza al 100% dal 7 al 31 gennaio. ORDINANZA e linee gestione casi – Orizzonte Scuola Notizie

 

LA NOTA

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!