Veneto pronto per ripartenza superiori, Donazzan: banchi a rotelle ritirati da scuole perché causa di mal di schiena

Stampa

“Regione Veneto e Sindacato sono uniti nel confronto e nella condivisione in questo momento delicatissimo, come è quello che ci attende ora con la ripartenza della scuola, prevista per lunedì prossimo 1 febbraio, per i nostri ragazzi e le loro famiglie”.

A dirlo l’Assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione del Veneto, Elena Donazzan, all’indomani dell’incontro tenuto con tutte le sigle sindacali insieme alla Vicepresidente e Assessore regionale ai Trasporti Elisa De Berti, all’Ufficio Scolastico regionale e alla Prefettura di Venezia.

Il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, infatti, ha annunciato qualche giorno fa, la ripartenza delle scuole superiori i cui studenti saranno, per le prime tre settimane, in presenza al 50 per cento, per passare poi, situazione epidemiologica permettendo, al 75 per cento.

“Siamo impegnati tutti alla massima condivisione. – ha ribadito l’Assessore Donazzan – Il Sindacato ha espresso apprezzamento per il lavoro fin qui svolto dalla Regione e dall’Ufficio regionale scolastico. Abbiamo tutti convenuto che in questo momento delicatissimo di ripartenza, ci sia bisogno di serenità, soprattutto per le famiglie interessate, di informazioni univoche e certe, evitando continue altalene e cambi repentini di rotta, in particolare a livello centrale”.

“Le parole devono essere concrete e utili come lo devono essere i fatti. – ha aggiunto – Bocciamo pertanto interventi assurdi e poco salutari come lo sono stati i banchi con le rotelle che, come è emerso nella riunione di ieri, sono stati ritirati dai plessi scolastici in cui erano stati introdotti perché erano causa di mal di schiena”.

E’ previsto un incontro tra Regione Veneto e Sindacato, allo scadere della terza settimana di febbraio – salvo incontri ulteriori per affrontare qualche situazione di emergenza – per valutare insieme un primo monitoraggio sull’andamento della ripartenza della scuola.

Ritorno in classe, Zaia (Veneto): “Si riapre al 50% e non chiudiamo più. Le famiglie possono comunque chiedere di far restare i figli a casa”

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur