Veneto diventa lingua da insegnare a scuola. Veneziano minoranza etnica

WhatsApp
Telegram

Il Consiglio regionale del Veneto ha approvato stasera la legge che definisce il popolo veneto una ‘minoranza nazionale’ e che, rifacendosi al modello sudtirolese, consentirebbe di poter richiedere il rilascio di un ‘patentino di bilinguismo’, aprendo la strada all’insegnamento dell’attuale dialetto anche a scuola.

Il Pdl 116, che applica ai veneti la Convenzione Quadro Europea ratificata dall’Italia nel 1997, è stata approvata con 27 voti favorevoli (Lega, Lista Zaia, e tre consiglieri della lista di Flavio Tosi), mentre sono stati 16 i
contrari (Pd, Cinque Stelle, Lista Moretti, e un ‘tosiano’) e 5 gli astenuti (Fi e Fratelli d’Italia). Il capogruppo dei cosiddetti ‘tosiani, Stefano Casali, ha votato contro perché – ha spiegato – “i veneti non sono una minoranza nazionale”
Sul provvedimento sia la Lega Nord che il governatore Zaia aveva lasciato libertà di voto ai rispettivi rappresentanti.
La legge era stata proposta all’assemblea veneta dai consigli comunali di quattro municipalità, Resana, Grantorto, Segusino e Santa Lucia di Piave. Le norme di tutela della Convenzione quadro europea saranno applicate a chi vorrà liberamente dichiararsi parte della ‘minoranza veneta’.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur