Veneto, anche quest’anno Regione stanzia buono-libri per meno abbienti

Stampa

La Giunta regionale del Veneto ha stanziato 200 euro sotto forma di buono-libro per consentire alle famiglie più povere di acquistare i testi di studio e materiali didattici alternativi, comprese le dotazioni tecnologiche. 

Lo ha reso noto il sito della Regione, dove si legge che “anche per l’anno scolastico (2019-2020), su proposta dell’assessore alla scuola Elena Donazzan, ha avviato il bando per erogare il contributo destinato agli studenti della scuola dell’obbligo, nonché delle scuole secondarie superiore e degli istituti di formazione professionale“.

Lo scorso anno hanno beneficiato del buono-libri 27.458 studenti del Veneto.

Sul sito sono riportati anche i livelli economici che faranno scattare il diritto a beneficiare del contributo, previa domanda via web, a partire dal 16 settembre ed entro il 16 ottobre, al Comune di residenza.

Il buono-libri è una delle misure, come il buono-scuola o i contributi per il trasporto scolastico, con cui la Regione Veneto assicura il diritto allo studio ai ragazzi delle famiglie con minori capacità reddituali – osserva l’assessore Donazzansia che frequentino la scuola pubblica, sia quella paritaria o privata“.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia